Arrestati padre e figlio italiani residenti a Bariano. L’operazione dei carabinieri della compagnia di Treviglio nel pomeriggio di ieri, sabato. Nella notte invece, è stato arrestato un marocchino a Cividate, sempre per spaccio.

Arrestati padre e figlio a Bariano

Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del territorio i carabinieri della stazione di Romano di Lombardia hanno arrestato in flagranza di reato due italiani, padre di 41 anni e il figlio di 21, per detenzione di stupefacente tipo marijuana e hashish.

Piante di marijuana in casa

L’operazione è scattata dopo alcuni giorni di appositi servizi di osservazione effettuati a Bariano all’abitazione di due italiani, padre e figlio, entrambi pregiudicati per inosservanza alla legge sugli stupefacenti. Nella circostanza i carabinieri, dopo aver ispezionato il cortile interno dell’abitazione unitamente al 41enne, hanno rinvenuto tre piante di marijuana dell’altezza di un metro con relative infiorescenze.

Il figlio tenta la fuga

I militari pertanto, hanno deciso di effettuare un controllo nell’appartamento occupato dall’italiano, ma nella circostanza il figlio, ha tentato di dileguarsi dalla parte retrostante dell’abitazione, venendo immediatamente bloccato dai militari operanti.

Leggi anche:  Calcio amputati, Daniele Piana porta a Bariano il primo scudetto VIDEO

Trovato anche hashish

La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire quattro panetti di stupefacente tipo hashish per complessivi 355 grammi, che il giovane aveva occultato all’interno degli indumenti intimi. All’interno dell’abitazione, è stato, altresì, rivenuto e sequestrato vario materiale per la pesatura ed il confezionamento dello stupefacente, tutto di pertinenza dei due arrestati.

Domani l’udienza di convalida

Su disposizione del PM di turno, entrambi gli arrestati sono stati temporaneamente ristretti nelle camere di sicurezza della compagnia di Treviglio, in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata di domani, lunedì, davanti al Tribunale di Bergamo.

TORNA ALLA HOME