La comunità di Arcene ha salutato il suo parroco, don Alessandro Dehò, che da domenica ha definitivamente lasciato il suo incarico per dedicarsi all’ascolto della parola tra i monti ed i boschi della località Crocetta, in Lunigiana.

Arrivederci don Alessandro

Tantissime le persone che domenica mattina si sono recate in chiesa per partecipare all’ultima messa del parroco, dopo sei anni di permanenza nella comunità. Sei anni di grande lavoro e confronto sull’interpretazione delle Scritture, con la consapevolezza che proprio in nome della fragilità umana ci si può mettere in ascolto della parola e accettare di essere amato.

Un abbraccio aperto

Il parroco andrà a vivere sui monti della Lunigiana, ma non sarà un addio. Sempre di corsa in questi anni ora promette che “se passerete di lì ci sediamo e ci dedichiamo con calma ad ascoltarci ed incontrarci”.

Vi ringrazio perché tutti avete avuto la pazienza di cercare di capire dove stava andando il parroco, e continuate a cercarmi anche adesso. Quello che si apre ora non so bene cosa è, sto imparando a fare il boscaiolo e cose che non pensavo di fare. Forse diventerà uno spazio di accoglienza e non è detto che non possiamo continuare a cercarci. Che il nostro sia un abbraccio che rimane aperto che ci permette di scegliere come stare al mondo e poi chissà, ogni tanto ci rincontreremo ancora.

Leggi l’intero articolo su Giornale di Treviglio in edicola venerdì 20 settembre

Leggi anche:  Schiuma nel fosso, la Polizia locale interviene a Spirano

TORNA ALLA HOME