Lo avevano già annunciato nel mese di agosto e da domani, 1 novembre 2018,  la misura diventerà definitiva. Chi non ha la priorità d’imbarco dovrà pagare un “ticket” da 8 euro per imbarcare i bagagli a mano Ryanair.

Bagagli a mano Ryanair, le novità

Per portare il bagaglio a mano a bordo dell’aereo (e non in stiva) il cliente dovrà pagare, in fase di prenotazione del volo un sovrapprezzo di 8 euro, che diventano 10 euro se lo si richiede al gate d’imbarco. Resta gratuito l’imbarco, invece, per i passeggeri che scelgono la “Priority boarding” pagando 6 euro in fase di prenotazione del volo o 8 euro successivamente.

Bagagli a mano a pagamento, da 8 a 25 euro

Se si decide di registrare il bagaglio al momento della prenotazione iniziale, il costo per il bagaglio da 10 kg sarà di 8 euro. Se invece il bagaglio viene aggiunto successivamente alla prenotazione e fino a 40 minuti prima dell’orario di partenza previsto il costo sarà di 10 euro. Il bagaglio a mano dovrà essere depositato al banco consegna bagagli prima di passare il controllo di sicurezza. Potrà poi essere ritirato nell’aerea di recupero bagagli all’aeroporto di destinazione.  Quei passeggeri che non hanno aggiunto il bagaglio a mano da 10 kg al momento della prenotazione possono acquistarlo anche direttamente all’aeroporto, ma naturalmente le condizioni cambiano. Se il bagaglio viene acquistato al banco deposito bagagli costa 20 euro, altrimenti, se viene fatto al gate di imbarco, il costo sarà di 25 euro.

Occhio alle dimensioni

In aereo si potrà portare un bagaglio a mano piccolo che misuri non più di 40x20x25 cm. Queste dimensioni sono aumentate rispetto agli standard precedenti di soli 35x20x20 cm. L’importante è che questo bagaglio possa essere posizionato sotto il sedile di fronte. Le cappelliere saranno riservate ai passeggeri che hanno acquistato l’imbarco prioritario. E se state pensando che nessuno si accorgerà se sforate leggermente rimarrete delusi. Ai check-in e ai gate Ryanair avrà dei nuovi misuratori bagagli adattati alle nuove misure. La compagnia ha fatto sapere che“Se il bagaglio piccolo gratuito dei clienti che non hanno acquistato l’imbarco prioritario non si adatta al nuovo misuratore, ciò significa che il loro bagaglio è più grande del 25% rispetto alle misure consentite. Pagheranno una tariffa sul bagaglio pari a 25 euro e questo sarà etichettato e imbarcato in stiva”. Solo a chi viaggia con un neonato o a un bambino sotto i due anni sarà permesso portare una piccola borsa in più da 5 kg.

Leggi anche:  Ha vissuto sulla sua pelle la povertà, ora aiuta senzatetto e bisognosi

Lo Sportello dei diritti “Un costo in più per i viaggiatori”

“Secondo Ryanair i principali benefici del nuovo regolamento saranno la diminuzione dei ritardi dei voli, ma di fatto, quello del bagaglio è un costo in più per i viaggiatori. Oggi si pagano 25 euro per valigie di massimo 20 chili. L’obiettivo è quello di convincere i passeggeri a spedire il bagaglio per ridurre il più possibile i tempi di imbarco ed evitare ritardi nella partenza dei voli. Secondo quanto afferma la compagnia in una nota – evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti – il 60% dei viaggiatori non sarà interessato dai cambiamenti”