Il booksharing conquista Caravaggio: oltre 100 libri donati in pochi giorni. Doveva essere un’iniziativa di lancio per il centenario della biblioteca comunale “Banfi”, ma ha riscosso un successo inaspettato e ora continua a contagiare grandi e piccoli lettori.

La biblioteca compie 100 anni

Lo scorso 4 luglio, infatti, la biblioteca che si trova all’interno del chiostro di San Bernardino ha visto l’inaugurazione ufficiale del suo centenario che si concluderà il 4 luglio 2020. Tra le iniziative in programma per avvicinare la popolazione alla biblioteca c’è anche il booksharing, ovvero la possibilità di scambiarsi gratuitamente dei libri semplicemente donandoli alla comunità.

“E’ nata come un’iniziativa temporanea di qualche settimana, ma il suo successo ci ha stupito e ci ha spinto a proseguire – ha spiegato Juri Cattelani – In una settimana abbiamo ricevuto oltre cento libri e i punti di raccolta e scambio sono passati da uno a quattro”.
Al momento chi fosse interessato può trovare i libri sotto i portici del Municipio in piazza Garibaldi, al bar Turchese in piazza SS Fermo e Rustico, al bar-chiosco dei giardini Carlo Alberto Dalla Chiesa su viale Papa Giovanni XXIII e al bar La taverna del Caravaggio in via Caldara.

Leggi anche:  A Caravaggio 53 incidenti all'anno, ora basta: ecco la super rotatoria IL PROGETTO

Come funziona

“E’ possibile sedersi e leggere comodamente mentre si consuma qualcosa al bar, oppure prendere il libro e portarselo a casa – ha spiegato Cattelani – a patto però, in questo caso, che si lasci un altro libro “in cambio”. Si possono trovare libri di qualsiasi genere e anche per bambini. E’ un progetto pilota che ora valuteremo molto attentamente visto che si sta auto alimentando con la buona volontà delle persone”.
Per pubblicizzare il centenario, inoltre, domenica in piazza della chiesa, è andato in scena il flash mob letterario #prendiquesto dove i partecipanti hanno portato un libro a loro scelta da cui hanno potuto leggere un passo di 3 minuti ciascuno. Tutte iniziative volte ad avvicinare il pubblico non solo alla biblioteca come luogo fisico ma alla lettura stessa.

TORNA ALLA HOME