“Chi è a conoscenza di donne che subiscono violenze e non fa nulla per fermare tutto ciò è complice”. Così si è espressa il sindaco di Brignano Beatrice Bolandrini in occasione dell’inaugurazione di domenica della panchina rossa, posizionata nella piazza centrale del paese.

I ringraziamenti

“Grazie all’Avis di Brignano per aver donato alla comunità brignanese la panchina rossa per dire no alla violenza contro le donne. E’ stata una mattinata intensa e emozionante – ha detto – Grazie anche al nostro parroco don Giuseppe per la presenza e le belle parole dette. Credo si tratti di una tematica su cui come comunità dobbiamo riflettere ancora molto. Anni fa abbiamo istituito lo sportello in comune grazie a Sirio ma siamo consapevoli di poter fare ancora di più, insieme. Non voltiamo le spalle, non facciamo finta di niente, ma denunciamo e sosteniamo le vittime di tutte le violenze, che siano fisiche o psicologiche. La panchina rossa è un simbolo e un monito per essere cittadini attivi, partecipi e sensibili! Io ci conto, perché so che i brignanesi possono fare la differenza”.

Leggi anche:  Abbattuti quindici pini in via della Pace

I recenti fatti di cronaca

L’inaugurazione avveniva proprio quando si stava diffondendo la notizia dell’uccisione di Zina Solonari, 36enne moldava uccisa dal marito a Cologno. “Mentre inauguravo la panchina non ero ancora a conoscenza dei fatti – ha commentato – è un episodio gravissimo che deve farci riflettere tutti. Questa panchina non deve essere solo un simbolo, ma deve spingerci ad agire per evitare che cose di questo tipo avvengano”.

TORNA ALLA HOME