Calcio paese romantico: dopo l’episodio dello scorso anno, un misterioso parkour scrive sulla facciata un messaggio d’auguri alla fidanzata.

Calcio paese romantico

Apparsa nella notte tra martedì e mercoledì una scritta sulla facciata dell’ex sede della Croce rossa. “Sei la cosa che ho sognato. Sei la cosa che finalmente ho ottenuto. + 17, auguri amore”. Il messaggio pare sia opera di un parkour che si sarebbe arrampicato sul balcone e poi sulla tettoia dell’edificio in piazza polivalente. La struttura ospita la protezione civile, una sala multifunzionale e provvisoriamente la sede Auser. Prossimamente invece verrà insediata la Polizia locale.

Cosa non si fa per amore

A Calcio per amore si fanno pazzie. E, soprattutto, l’amore si mette in piazza. Lo scorso anno un innamorato aveva affittato spazi pubblici, regolarmente pagati, per affiggere manifesti in cui dichiarava il suo amore. I muri, si sa, a Calcio sono famosi, sono opere d’arte. E i giovani non vogliono sentirsi da meno rispetto ai maestri, per lasciare i loro messaggi d’amore. Anche se certo, che si tratti di poesia, qualche dubbio c’è.

Leggi anche:  In casa una serra di marijuana, arrestato

“Una goliardata”

“Reputo questa cosa una goliardata fatta da qualche ragazzo – ha detto il sindaco Elena Comendulli – si tratta sicuramente di un parkour che facilmente si è arrampicato sull’edificio. Nella piazza però non ci sono telecamere per poterlo identificare”.

Il popolo del web si scatena

La reazione dei calcensi è stata immediata. La pagina Facebook si è riempita di commenti. La popolazione si è divisa tra chi l’ha presa con ironia e chi invece si è schierato contro i vandali. Chi lamenta i bei tempi in cui si scrivevano lettere e chi lo ritiene un modo antiquato visto i mezzi tecnologici con cui è possibile fare gli auguri e renderli pubblici. Altri calcensi hanno invece criticato il gesto incivile e quanti l’hanno presa con leggerezza. C’è anche chi si è schierato con la ragazza: “Fossi la ragazza sarei incazzata per avermi dato della cosa”, ha scritto un ragazzo.