Una campanella green quella che giovedì mattina ha risuonato alle 9 in punto nella scuola paritaria Conventino – La Sorgente di Caravaggio.

Ecosostenibilità anche a scuola

Il nuovo anno scolastico per i 330 ragazzi iscritti alla primaria e alla secondaria di primo grado di via San Francesco si è aperto infatti con due novità all’insegna dell’ecosostenibilità e della riscoperta della natura. La prima e più evidente sorpresa riguarda l’esterno della struttura. “Siamo una scuola di prima qualità per quanto riguarda l’educazione e l’istruzione – spiega la dirigente Genny Scaperrotta – La struttura invece aveva bisogno di qualche aggiornamento. Ecco quindi perché il Cda della Fondazione Leone Leoni ha deciso di accogliere la nostra proposta e di intervenire con un investimento per ricostruire l’ingresso e ripensare l’intera area esterna, fornendo peraltro la scuola di una struttura polifunzionale che finora mancava”.

Orti didattici e angoli verdi

La riprogettazione dell’ingresso ha previsto l’inserimento di aiuole, orti didattici e angoli verdi che, ha anticipato Scaperrotta, saranno coltivati dagli stessi bambini e ragazzi durante l’anno. “Volevamo che sporcassero un po’ le mani – continua la preside – Per riscoprire il rapporto con la natura”. Sul retro della scuola invece, accanto a un vasto giardino, è in corso di realizzazione una struttura polifunzionale da quattrocento metri quadrati, a pianta quadrata, che sarà utilizzata come palestra, auditorium e area gioco coperta. Anche d’inverno, grazie al riscaldamento a pavimento. La struttura dovrebbe essere pronta entro l’inizio di novembre (il 9 ci sarà l’open day delle due scuole).

Leggi anche:  Mirko Del Franco, l’artista romanese selezionato per la Biennale

E la mensa diventa plastic-free

E l’altra sorpresa? Riguarda un aspetto della vita scolastica forse poco approfondito: quello dei rifiuti. Da lunedì, la mensa scolastica che serve tra i 100 e i 150 pasti al giorno sarà completamente plastic-free. Un ulteriore segnale nella direzione dell’educazione alla consapevolezza ambientale. “I ragazzi devono imparare che il futuro del pianeta dipende anche da loro – ha spiegato la preside – Ecco il perché di questa scelta, che implica gesti concreti e quotidiani che hanno anche un valore educativo”. Oltre che pratico: sono decine i sacchi di plastica risparmiati ogni giorno grazie all’utilizzo di posate di acciaio, bicchieri e caraffe in plastica dura lavabile e piatti compostabili.