Il 25 luglio potrebbe essere il giorno decisivo sul futuro della discarica di amianto nell’ex Cava Vailata. E’ infatti attesa per quella data la decisione del Tar di Milano sull’istanza di sospensione cautelare dell’Aia (Autorizzazione integrata ambientale) sul progetto che la società Team intende realizzare nell’ex cava Vailata.

Il ricorso del Comune

Si tratta del ricorso presentato dall’Amministrazione comunale lo scorso maggio dopo il via libera concesso dalla Regione al termine della conferenze dei servizi del 7 aprile. Nel frattempo, sia la società Team che il Pirellone si sono costituiti formalmente. L’ordinanza su quanto verrà deciso nel corso dell’udienza dovrebbe essere disponibile già il giorno successivo. Probabilmente, però, già nel corso del Consiglio comunale in programma proprio la sera del 25 luglio, il sindaco Juri Imeri avrà sicuramente notizie certe in merito a quanto deciso dal Tar.

In attesa del Consiglio di Stato

Da ricordare che l’Amministrazione comunale è ancora in attesa della sentenza del Consiglio di Stato a cui si era rivolta dopo la bocciatura di un precedente ricorso al Tar sulla compatibilità ambientale (Via) del progetto, mentre il Comitato tutela ambiente di Treviglio a breve dovrebbe presentare un proprio ricorso sempre al Tar.