Cibo e cultura: Soroptimist al fianco dell’Abf contro lo spreco alimentare.

L’impegno di Soroptmist

Il Club Soroptimist International porta avanti da anni un progetto relativo al buon uso del cibo a livello nazionale. L’obiettivo è duplice: partire dalla valorizzazione dell’imprenditoria femminile e dal contrasto allo spreco alimentare. Il Club Soroptimist di Treviglio ha promosso con successo, negli ultimi anni, un concorso di ricette che avessero come base un prodotto alimentare locale, come la zucca, la patata, il mais…

Un concorso di ricette

Il concorso di quest’anno, “Io non spreco”, visto che a Treviglio esiste un Istituto Alberghiero (ABF), è stato rivolto ai giovani allievi che hanno dovuto inventarsi ricette basandosi sul riuso dei prodotti alimentari. In pratica valorizzare quello che da sempre si fa in ogni famiglia, aprendo il frigorifero e riutilizzando in modo economico ed appetitoso i cibi non ancora usati o avanzati. E’ nostra convinzione che la sostenibilità del pianeta passi attraverso un’alleanza tra cibo e cultura e che questa cultura sia soprattutto quella declinata al femminile, in grado di diventare artefice del futuro del pianeta.

Leggi anche:  Aaa... sponsor cercansi per il refettorio scolastico

Un pranzo con i ragazzi dell’Abf

Il 25 maggio prossimo, alle 12.30, si svolgerà all’interno dell’Abf (Azienda Bergamasca di Formazione – Centro professionale di formazione per la ristorazione di via Caravaggio), un pranzo a cura degli studenti dell’alberghiero, basato sulle ricette vincitrici del concorso.
Al 22esimo incontro rete internazionale “C&C La cultura delle donne per una coltura ecosostenibile” parteciperanno vari club Soroptimist e saranno esposti prodotti alimentari a filiera femminile di tutta Italia, mentre la presentazione del progetto è affidata alla coordinatrice nazione progetto di rete Anna Paganoni.
La manifestazione non si ridurrà banalmente a una degustazione dei prodotti ma sarà una testimonianza della capacità di come anche i nostri giovani siano attenti, non solo al gusto e all’estetica del cibo, ma anche all’etica e alla ricerca sempre del meglio.

TORNA ALLA HOME