Il corteo ha attirato una buona partecipazione, partendo alle 20:30 dalla piazza del Comune e andando a toccare diversi parchi del centro abitato, spesso luogo di malfrequentazioni.

Le aggressioni

A smuovere la coscienza dei cividatesi sono stati i recenti fatti di cronaca, che hanno visto il paese teatro di ben cinque aggressioni nelle ultime settimane, una delle quali anche con un accoltellamento. Per questo motivo alcuni privati – riconducibili al gruppo consigliare di minoranza “Kicicrede” – hanno organizzato, giovedì sera, un corteo di solidarietà per le vittime – per lo più giovani – di questi episodi.

Le dichiarazioni

A parlare a nome degli organizzatori è stato Michele Masotti: “Ringraziamo Polizia di Stato, Carabinieri, Questura di
Bergamo e Polizia Locale che ci hanno accompagnato e con la loro presenza hanno dato un segnale
significativo di vicinanza ai cittadini su una tematica, quale la sicurezza, centrale per il benessere di tutti – ha affermato – La forte partecipazione è stata indice che le aggressioni non fanno paura alla popolazione, la quale ha un forte desiderio di riprendere in mano il proprio paese, di volerlo vivere sino in fondo. La denuncia delle azioni criminali diventa quindi essenziale, un dovere civico che sono certo i nostri cittadini abbiano ben presente. Altri strumenti, come il Controllo del Vicinato, diventano importanti affinché le informazioni possano raggiungere la cittadinanza in modo capillare”.
“Ringraziamo tutte le forze politiche che insieme hanno dato un segnale di unione e condivisione di intenti
rispetto a questa tematica – ha aggiunto Masotti – In ultimo un ringraziamento a coloro che hanno organizzato il corteo, i quali si sono adoperati in pochissimi giorni e prevalentemente via social, ma soprattutto i partecipanti che hanno aderito numerosi nonostante il periodo di ferie e i recentissimi fenomeni calamitosi. L’intento è pienamente riuscito e sono soddisfatto in quanto Cividate si è dimostrata solidale nei confronti delle vittime di aggressione e si è mostrata una cittadinanza attiva che non chiude gli occhi davanti alle difficoltà, ma è pronta ad accendere una luce rispetto alla paura e alla preoccupazione».

Leggi anche:  Malanchini suona la carica per i cacciatori

Il tema sicurezza tocca il Consiglio

Non solo il corteo. Sul tema sicurezza in paese, anche alla luce dell’imminente partenza dell’unico vigile attualmente in forza al Comune, si è mossa anche la consigliera Gloria Chitò, che proprio alla vigilia del corteo ha presentato al sindaco e alla Giunta una mozione nella quale propone il ricorso a un servizio di pattugliamento serale e notturno del territorio. Se ne discuterà nel corso della prossima seduta.

Ecco alcune foto del corteo di giovedì sera:

TORNA ALLA HOME.