“La vita è bella… senza dipendenze patologiche. Comprendere per prevenire!” E’ questo il titolo del convegno che si terrà il prossimo 29 novembre, dalle 9 alle 13, al Teatro Nuovo Treviglio.

Con Atena contro le dipendenze

E’ il secondo atto del progetto che Atena (Associazione Genitori contro le dipendenze) delegazione di Treviglio, propone alla comunità in un’ottica didattico-formativa per le nuove generazioni e quanti operano accanto ai giovani.
Il primo tempo, che ha riscosso un notevole successo di pubblico, si era giocato il 26 ottobre scorso. Allora “La vita è bella. Alchol free, drugs free” aveva offerto un mix di opportunità ai ragazzi, al fianco di piloti sportivi per un breve percorso di guida sicura. E ancora dotandoli di maschere virtuali per replicare gli effetti dell’alcol e delle sostanze stupefacenti.

Senza alcol e senza droga

Sempre in quell’occasione era stato possibile approfondire gli effetti dell’abuso di alcool o delle sostante stupefacenti, grazie alla collaborazione del gruppo Safe driver della Polstrada di Bergamo e Treviglio, dei varabinieri, della Polizia locale e della Croce Rossa Italiana e chiedere informazioni sulle sanzioni di legge a esperti, educatori e
psicologi delle sportello “Atena ascolta”. L’evento prevedeva anche una mostra fotografica sull’abuso dell’alcol e la degustazione di piacevoli aperitivi analcolici preparati dai bar trevigliesi aderenti all’iniziativa.

Il convegno al Tnt

Ora, un mese dopo, è la volta del convegno, patrocinato dai Carabinieri, dalla Polizia di Stato, dalla Polizia locale, dal Comune di Treviglio, da ATS e ASST della Regione Lombardia, dalla Croce Rossa Italiana, dall’AGA (Associazione Genitori Antidroga) dagli Istituti scolastici di Treviglio (Salesiani, Cantoni, Simone Weil, Oberdan, PFS Polo Formativo Scolastico e sostenuto da Mc Donald’s e Garage-Servizi DOC per l’Auto. Interverranno Ettore Zuccato (Istituto Ricerche Farmacologiche Mario
Negri IRCCS sul tema “Consumo di sostanze stupefacenti nella Bassa Bergamasca negli ultimi 10 anni”, Francesco Rovetto (Psichiatra Docente Università Sigmund Freud Vienna), sul tema “Il circolo vizioso della droga ed il giovane alla ricerca di una propria identità”, Giovanni Pieretti (Ordinario Dipartimento di Sociologia dell’ambiente e del territorio Università di Bologna) sul tema “Dalla ricerca di follow-up alla prevenzione sul territorio”, Enrico Coppola, presidente dell’AGA Pontirolo, sul tema “Una risposta sul territorio”. Accanto a loro anche Antonella Giannellini (Ufficio prevenzione UST Bergamo), Guido Marinoni (Presidente Ordine dei Medici di Bergamo), Omar Rota (Referente ATS Distretto Bergamo Ovest), Loredana Colombo (responsabile dei consultori dell’Asst Bg Ovest), Mirella Pontiggia (Vice Questore Polizia Stradale Bergamo), Juri Imeri sindaco di Treviglio, Angelo Lino Murtas vice questore Polizia di Treviglio, Filippo Testa capitano dei Carabinieri di Treviglio, Antonio Nocera comandante della Polizia locale di Treviglio, Ettore Abeni (Associazione Bergamo rete sociale) e Matteo Copia (Ufficiale Polizia locale).

“Finalità dell’appuntamento, aperto al pubblico di adulti e ragazzi, è favorire la formazione di una coscienza diffusa contro le tossicodipendenze, l’abuso dell’alcool, la ludopatia e il bullismo nei giovani – sottolinea la dottoressa Martina Di Rubbo, presidente della delegazione Trevigliese di Atena e infaticabile animatrice di questo percorso dalle profonde valenze etico-sociali – E la più che favorevole risposta riservataci dal pubblico nello scorso mese di ottobre, fatta di viva curiosità e ampia condivisione delle tematiche troppo spesso sottostimate è per noi sprone a continuare con entusiasmo, senza risparmiarci, perché riteniamo un preciso dovere farci parte attiva nella crescita civile della nostra comunità”.

TORNA ALLA HOME