E’ stato inaugurato questa mattina Il Cortile. Un progetto nato dalla collaborazione tra Cassa Rurale Bcc Treviglio e Comune per offrire un alloggio in particolare alle giovani coppie, agli anziani e alle donne maltrattate con figli minori.

Il Cortile, solidaridarietà come una volta

Il Cortile si trova in via Carcano 8, in centro a Treviglio. L’intento del progetto di housing sociale è quello di ricreare un luogo nel quale vigano ancora le regole di solidarietà sociale. Regole di buon vicinato che fino a poco tempo fa erano la norma ma che oggi sembrano essere state dimenticate dai più.

Alloggi per famiglie in difficoltà

Sono stati messi a disposizione delle famiglie in difficoltà ben 11 alloggi all’interno della corte. Saranno gestiti dal Comune. Ad occuparli sarà un’insieme di giovani e anziani, italiani e stranieri. La parola d’ordine è integrazione. Integrazione culturale e intergenerazionale. Il bando per l’assegnazione degli alloggi sarà aperto i primi giorni di gennaio. Per scegliere gli assegnatari saranno valutati il reddito Isee e l’età dei richiedenti.

“La crisi non è finita”

“Nonostante si legga da più parti che la crisi è ormai alle spalle le cose non stanno così”. Ha commentato il vicesindaco Pinuccia Zoccoli Prandina. “I numeri che abbiamo parlano chiaro. Questo progetto servirà per venire incontro alle esigenze di famiglie in una situazione di fragilità che attualmente sono a carico dei servizi sociali del Comune”.

Leggi anche:  Ricerca dispersi, Protezione civile in azione ma per finta FOTO

Due milioni per le case popolari

Il sindaco di Treviglio Juri Imeri ha colto l’occasione per rimarcare quanto fatto sinora dalla sua Amministrazione per le politiche abitative. “Negli ultimi cinque anni abbiamo investito oltre due milioni di euro per le case popolari. La nostra convinzione, alla base di questo progetto, è che per combattere la crisi l’unione fa la forza”.

La benedizione del parroco

Presente all’inaugurazione anche Don Norberto Donghi. “L’idea alla base del progetto mi piace molto – ha detto-. Anche l’arcivescovo di Milano nel giorno di Sant’Ambrogio ha ricordato le parole del grande poeta Eugenio Montale. Milano, e le grandi metropoli in genere, si sono ormai trasformate in enormi alveari di eremiti. A Treviglio, per fortuna, si viaggia nella direzione opposta”.