Le vacanze di Natale sono state una perfetta occasione per bambine e bambini per divertirsi, giocare, stare con gli amici e conoscerne di nuovi, ma anche riflettere sul significato del Natale stesso. E’ merito del Cri neve, il centro ricreativo invernale che permette ai genitori lavoratori di far fronte all’annuale “emergenza” delle scuole chiuse nelle vacanze di Natale.

Cri neve a Treviglio

L’Amministrazione comunale di Treviglio si è attivata anche quest’anno al fine di garantire, a quei genitori che svolgono attività lavorativa durante le lunghe vacanze natalizie, un luogo in cui le bambine e i bambini hanno potuto svolgere attività ludico-didattiche con personale qualificato della consolidata Cooperativa “Città del Sole” che ha gestito anche il Cred estivo con tariffe contenute grazie al contributo dei Servizi Sociali.

Un aiuto per i genitori lavoratori

Si parla spesso di come conciliare i tempi di vita con quelli di lavoro: una problematica, soprattutto femminile, ma che oggi coinvolge sempre più spesso anche i padri. Questo tipo di servizio, che è al quarto anno di realizzazione, ha potuto concorrere a migliorare la qualità della vita delle famiglie, oltre ad essere un’ottima opportunità formativa per bambini e ragazzi per socializzare e imparare le regole dello stare insieme.

Leggi anche:  Torneo di scacchi per i ragazzi delle scuole a Spirano

Iscrizioni aumentate del 20%

Sono state 36 le famiglie a usufruire del Cri neve (più 20% rispetto all’anno precedente), evitando così il ricorso a una babysitter e agli alti costi che ne comporta. Ogni giornata, delle due settimane del Cri neve, è stata guidata dall’introduzione del filo conduttore del giorno, da parte dell’educatore con l’ausilio di libri illustrati, materiali e oggetti che hanno evocato fatti, luoghi e personaggi. Durante la giornata educativa è stato anche dato spazio allo svolgimento dei compiti delle vacanze.

“Desidero esprimere i miei ringraziamenti per l’ottima riuscita del servizio alle famiglie, attraverso animatori e operatori formati e di provata esperienza – ha commentato la vicesindaco Pinuccia Zoccoli Prandina – L’Amministrazione comunale di Treviglio ha sempre creduto fermamente che una partecipazione nella cura del bene comune sia il motore per una comunità sana, consapevole e sostenibile. Credo che questo servizio abbia potuto davvero concorrere a migliorare la qualità della vita delle famiglie, oltre ad essere un progetto educativo che ha visto le bambine e i bambini divertirsi con giochi di gruppo, tornei a squadre e attività laboratoriali nel clima festoso e sereno di questo periodo dell’anno”.

TORNA ALLA HOME