Tuoni, forti piogge e persino la grandine. Questa mattina la Bassa si è svegliata sotto i colpi del maltempo. Disagi e allagamenti si sono registrati in diverse zone della provincia e per il trasporto ferroviario è stata una mattinata a dir poco difficile. E la situazione nei prossimi giorni non migliorerà.

Ancora maltempo sulla Bassa

“Questa fase meteorologica piuttosto dinamica proseguirà per tutta la settimana e probabilmente anche oltre, con una serie di intense perturbazioni atlantiche che raggiungeranno l’Italia e il Mediterraneo – a confermarlo è Andrea Vuolo, meteorologo di 3bmeteo.com –  saranno soprattutto le aree del versante tirrenico a ricevere i maggiori apporti pluviometrici, grazie ai forti venti di Libeccio che insisteranno per diversi giorni su tutto il territorio nazionale, ma piogge e temporali colpiranno a intermittenza tutto il nostro Paese, Sud e Isole maggiori comprese. Nevicate diffuse sull’arco alpino fino a quote di media montagna, localmente abbondanti sopra i 2.000 metri di quota; primi fiocchi anche sull’Appennino centro-settentrionale sopra i 1.600-1.800 metri, temporaneamente anche a quote inferiori sui settori emiliani”.

“A metà settimana locale instabilità insisterà anche su Emilia-Romagna, Lombardia e Nord-Est, con possibili acquazzoni specie nel pomeriggio – prosegue Vuolo – più asciutto invece al Nord-Ovest e sulle regioni del medio versante adriatico. Giovedì ancora piogge all’estremo Sud, mentre è atteso un graduale peggioramento al Nord, alta Toscana e Sardegna per l’arrivo dell’ennesima perturbazione atlantica, con piogge diffuse entro sera”.

Leggi anche:  Verona-Milano, mattinata a rilento per i pendolari

LEGGI ANCHE: Domenica scatta la Giornata ecologica a Treviglio, ecco dove non si potrà circolare

Venerdì un forte peggioramento

“Una nuova intensa perturbazione raggiungerà il Centro-Nord nella giornata di venerdì, con piogge e rovesci anche di forte intensità specie su alta Toscana, Val Padana, Alpi e Prealpi, con abbondanti nevicate sull’arco alpino sopra i 1.500-1.700 metri, localmente anche a quote inferiori sulle Alpi occidentali. Più stabile e soleggiato sul medio versante adriatico e al Sud (ad esclusione della Campania) – conclude l’esperto – ma con situazione meteorologica in nuovo peggioramento anche in queste aree verso il weekend”.

Freddo e pioggia anche la seconda decade di novembre

“Ma potrebbe non essere finita qui: anche dagli ultimi aggiornamenti dei modelli numerici appare probabile che anche la seconda decade del mese possa essere caratterizzata dal passaggio di altre intense perturbazioni atlantiche sull’Italia, coadiuvate da una vigorosa circolazione depressionaria sull’Europa centro-occidentale, la quale potrebbe determinare un ulteriore calo delle temperature (specie al Nord Italia) e nevicate fino a quote di media montagna sulle aree alpine e nord Appennino – , conclude il meteorologo.

LEGGI ANCHE: Maltempo, disagi sulla rete ferroviaria e treni in ritardo

Domenica ci sarà la Giornata ecologica?

Domenica 10 novembre, a Treviglio, è prevista la Giornata ecologica. La chiusura del traffico veicolare per il centro storico scatterà, però, solo in assenza di pioggia.

TORNA ALLA HOME