E’ ufficiale: il ponte di Paderno riapre tra un mese. L’accesso, a partire da venerdì 29 marzo, sarà concesso soltanto ai pedoni e ai ciclisti, ma è comunque una buona notizia per molti pendolari che se non altro possono inforcare i pedali e raggiungere le stazioni ferroviarie da una sponda all’altra evitando i lunghi giri che sono costretti a percorrere da metà settembre.

Riapre il ponte di Paderno

L’ufficialità della riapertura del ponte San Michele è giunta nella giornata di ieri, mercoledì 27 febbraio. L’amministratore delegato di Rfi, che è al tempo stesso commissario straordinario dei lavori alla struttura, ha infatti risposto alla lettera delle Amministrazioni comunali di Paderno e Calusco che avevano chiesto aggiornamenti sul cantiere, invitandolo a un’assemblea pubblica. Proprio Gentile ha confermato la sua disponibilità a partecipare all’incontro, proponendo come data quella di venerdì 29 marzo, espressamente per “far coincidere l’evento con la riapertura del ponte”.

Ancora un mese di pazienza

Era stato proprio Maurizio Gentile, durante il suo sopralluogo al ponte San Michele, a tracciare il cronoprogramma della riapertura. Ora è ufficiale: il ponte tornerà accessibile a pedoni e ciclisti dal 29 marzo, ovvero due giorni prima la data del 31 marzo stabilita come “deadline” sul sito di Rfi. Nel frattempo, nonostante le polemiche e i dubbi sollevati a più riprese (di recente dal consigliere regionale Paolo Franco, a cui aveva fatto seguito l’ampia precisazione dell’ufficio stampa delle Ferrovie), proseguono i lavori sia sulla sede stradale che sull’arcata, dove da qualche giorno campeggiano degli spettacolari ponteggi.

Leggi anche:  Brembate ultimo incontro prima dell'inaugurazione delle opere d'arte