Emergenza nutrie: Michel Marchi, primo cittadino di Gerre de’ Caprioli, nel Cremonese, propone di mangiarle nei ristoranti e nelle sagre.

Emergenza nutrie

Mangiare le nutrie? Il sindaco di Gerre de’ Caprioli, Michel Marchi, vuole portare sulle nostre tavole i roditori al fine di fronteggiare un’emergenza che nel territorio padano è molto sentita, come racconta GiornalediCremona.it.  Marchi fa notare che ci sono verbali dell’Asl che evidenziano come la nutria, a differenza degli altri topi, non porta leptospirosi. Inoltre la sua carne sarebbe buona e avrebbe un sapore simile a quella del coniglio.

Un post su Facebook

Il sindaco, ha lanciato la singolare proposta attraverso la sua pagina Facebook, ideando l’hashtag #agerresimangiatutto e candidandosi pure per organizzare la prima sagra a tema.

Cosa dice la legge

Due circolari del Ministero dell’Interno, risalenti al 1959, autorizzano il consumo di carni di nutria, a patto che siano “sottoposte a vigilanza veterinaria, messe in vendita ad animale intero e individuate con apposito bollino a cura dell’allevatore”.La nutria fa parte di molti piatti di campagna europei e americani. La sua carne è molto magra e assomiglia a quella del coniglio, con un gusto paragonabile a quello del tacchino. È assimilabile come tacchino, pollo e manzo in termini di contenuti di proteine (22,1%), di bassa percentuale di grasso (1,5%) e colesterolo “cattivo”.

Leggi anche:  470mila euro, che ne sarà del tesoretto del Comune?

E ci sono anche i cinghiali…

Cinghiali sempre più scatenati in Lombardia. Ci sono anche loro. Nei mesi scorsi erano stati devastati ben sei ettari di terreno ad Appiano Gentile, come racconta GiornalediComo.it. E il consigliere regionale Angelo Orsenigo ha presentato una interrogazione al neo assessore regionale all’Agricoltura per cercare di frenare una proliferazione selvaggia degli animali ormai incontrollata..