Estasi. Non c’è parola più azzeccata per descrivere la serata di ieri, domenica, alla Gerundium fest di Casirate. Più di 5mila persone erano presenti infatti per cantare le sigle dei cartoni animati insieme all’iconica Cristina D’Avena. L’artista bolognese ha stregato i suoi tantissimi fan per oltre un’ora, sul palco della festa della birra più famosa della Bergamasca, proponendo le sue hit più conosciute.

La coda di auto, attorno alle 21, arrivava fino alla nuova tangenzialina di Casirate

Delirio al Gerundium Fest per Cristina D’Avena

Che non fosse una serata come un’altra lo si è capito arrivando in auto nella zona industriale di Casirate. Una lunga coda di veicoli per arrivare ai parcheggi della festa che quest’anno taglia il traguardo dei 20 anni. L’attesa era tutta per lei,  la regina dei cartoon, e per le sue intramontabili colonne sonore dei cartoni animati anni ’80 e ’90. Sotto la tensostruttura del PalaGerundium, stracolma, la band “Itoons” ha cominciato a scaldare l’atmosfera e il boato che ha accolto Cristina  D’Avena sul palco ha aperto l’attesissimo concerto.

Da “Kiss me Licia” e “Mila e Shiro” a “Doraemon”

Tutto il PalaGerundium ha accompagnato, con la voce, le performance di Cristina D’Avena. Le sue canzoni, per tanti, sono state la colonna sonora della gioventù e dei cartoni animati più amati. A cominciare dall’amore sotto rete tra “Mila e Shiro”, proseguendo con la hit “Kiss me Licia” del cartoon giapponese di cui la D’Avena in tv è stata anche interprete nei panni di Licia nella serie andata in onda negli anni ’90. L’estasi canora è proseguita con il brano “Una spada per Lady Oscar”, sigla del cartoon ambientato alla corte del Re di Francia, passando per il fantasy “Doraemon” e la sigla del trio di sorelle ladre “Occhi di Gatto”.

Il tripudio finale dei fans

Dopo aver cantato a squarciagola insieme a lei i tantissimi fans, per un’ora tornati bambini sulle note delle canzoni dei cartoni più amati, hanno stretto in un abbraccio l’artista. Cristina D’Avena non si è sottratta al calore dei suoi fans fermandosi per gli immancabili selfie e per gli autografi di rito. L’ultimo scatto l’ha concesso alle cassiere e ai “kellerini”, gli inservienti che portano le birre ai tavoli della Gerundium, sulla scalinata del ristorante insieme al presidente dell’associazione Gerundium Fest Leonardo Remonti.

Leggi anche:  Un'amicizia che dura da più di cent'anni

Gran finale alla Gerundium con gli ospiti big

La Gerundium Fest, nell’ultima settimana, avrà sul palco musicisti di caratura nazionale: stasera, lunedì 3 settembre Max Cottafavi, chitarrista di Ligabue, suonerà con la “Bandaliga”; venerdì 7 poi sarà la volta di Maurizio Solieri, storico bassista di Vasco Rossi, salire sul palco insieme alla “Blascover”. A metà settimana, mercoledì 5 settembre, il PalaGerundium si trasformerà nella storica “Capannina” di Forte dei Marmi per lo show “Una vita da libidine” dell’istrionico Jerry Calà . La sera successiva, giovedì 6, a scaldare la platea sarà la musica del tributo a Max Pezzali, mentre a chiudere alla grande l’edizione numero 20 della festa, sabato 8 settembre, toccherà a Platinette salire sul palco con i “Settesotto”.

Il selfone dal palco: Grazie a tutti

Ma la regina dei cartoon, che su Facebook ultimamente viaggia con post con un numero di like a quattro zeri, non poteva non contribuire a sua volta al profluvio di selfie.  E il suo, spettacolare, è già diventato virale. Eccolo.

TORNA ALLA HOME