Tutto pronto per la 22esima Festa Bikers che si terrà a Cologno al Serio dal 21 al 25 agosto nella zona industriale. Uno dei Festival ormai più importanti di tutta Italia nel mondo delle moto Custom, nato con intento puramente benefico.

Festa Bikers, motociclisti per la solidarietà

Si è svolta questa mattina la prima conferenza stampa dell’associazione guidata da Fausto Fratelli per la presentazione del programma della Festa Bikers e rimarcare ancora una volta il messaggio ed i valori che la festa vuole trasmettere. “La festa è diventata un punto di riferimento del mondo bikers e l’evento più importante in Italia a livello di moto Custom – ha detto il presidente Fratelli – Averla a Cologno è per fonte di orgoglio. Ma al di là del divertimento quello che ci sta a cuore è aiutare le persone più deboli”.

22 anni per i più deboli

In primis c’è l’associazione “Cure Palliative Onlus” di Bergamo, la cui collaborazione con il presidente dottor Bruno Minetti risale fin dagli esordi. “Voi siete l’associazione più importante che ci aiuta e da più anni – ha detto il presidente – siamo stati un esempio costruttivo di una comunità consapevole, che può estrinsecare elementi di crescita di nuove relazioni dove ciascuna delle componenti ci mette qualcosa”.

Educare alla guida sicura

La novità di quest’anno sarà la collaborazione con la neonata associazione “Biker X” che promuove la cultura dell’essere motociclista con corsi di guida responsabile e sicura. “Con loro vogliamo sviluppare un programma che educhi alla guida sicura dai bambini in bicicletta agli adulti – ha proseguito Fratelli – adulti patentati che magari non hanno mai avuto la possibilità di provare una moto così come i ragazzini che vengono ‘buttati’ in sella al loro motorino, in mezzo al traffico. E chissà se in questo modo potremo salvare qualche vita in più”.

Vicini ai più fragili

Continua la collaborazione con il “Consorzio Fa”, la comunità di Brignano che accoglie ragazzi allontanati dalle proprie famiglie e che alla festa possono vivere un’esperienza lavorativa. “Da cinque anni siamo invitati alla festa dove i nostri ragazzi della comunità hanno la possibilità di sperimentarsi in un’esperienza lavorativa – ha detto la coordinatrice Lia Vailati – voi siete di supporto a noi e riuscite a trasmettere ai nostri ragazzi la vostra passione con grande cuore. Avete verso di loro una grande attenzione e prestate loro ascolto. Ci sono ragazzi ormai usciti dalla comunità che ancora si ricordano di voi e che vogliono continuare a partecipare alla festa”.

La cittadella Bikers

La Festa Bikers si svolge nella zona industriale lungo la Cremasca, in un’area di circa 50mila metri quadri, tra spazi dedicati alla cucina, due palchi per i concerti, zona campeggio dove passare la notte, area bimbi curata dai “B.A.C.A.” (Bikers Against Child Abuse) che ha l’obiettivo di aiutare i bambini in difficoltà e durate ogni edizione prestano un servizio nursery ed una vera cittadella dei bikers. Una zona Customizer con i migliori customizzatori d’Italia, area Tattoo, area combattimenti, il muro della morte “Russian Devils”.

Leggi anche:  Più di 72mila ravioli, è record di produzone per la sagra di Covo

In palio una Harley Davidson

La tradizionale lotteria benefica quest’anno mette in palio una nuova Harley Davidson Sportster 1200. Il ricavato della sottoscrizione a premi sarà devoluto all’associazione “Cure Palliative”.

Alla ricerca di volontari

Il grande lavoro degli organizzatori è evidente, per questo i bikers sono alla ricerca di associazioni che diano loro un supporto durante la festa. “Ringrazio tutti i volontari che sono fondamentali – ha detto Fratelli – Noi siamo sempre alla ricerca di associazioni che vogliano aiutarci, perché il lavoro è tantissimo. Per ringraziare dell’aiuto noi diamo sempre un contributo. In via ufficiosa annuncio che quest’anno collaboreremo anche con la “Pro Loco”. Ringrazio l’Amministrazione comunale che ci supporta sempre e Giovanni Malanchini che ci aiuta a livello regionale”.

Una festa per la comunità

Presente alla conferenza l’Amministrazione comunale con il sindaco Chiara Drago e l’assessore agli eventi Mattia Sangaletti. “La Festa Bikers è diventata un elemento distintivo e di riconoscimento per Cologno – ha detto il sindaco – bisognerà fare in modo che si vada avanti ancora per tanti anni. Vedo ancora quella passione di organizzare qualcosa che non è solo per voi ma per tutta la comunità. Riuscire a collaborare con le associazioni e con le cooperative legate al sociale è un elemento che vi fa onore. Non si tratta solo di beneficenza ma del riuscire a coinvolgere le persone in un sistema di relazioni e senso che mi auguro possa continuare”.

Il valore del fare rete

Il consigliere regionale Malanchini ha elogiato la capacità di fare rete da parte degli organizzatori, come una bella pagina della Lombardia che varca i confini regionali. “L’organizzazione della festa è perfetta con una macchina che coinvolge tante associazioni, enti e volontari – ha detto Malanchini – e credo sia l’unica festa con questa valenza ad aver conservato negli anni questo carattere familiare. Non è scontato trovare ad una festa motociclistica intere famiglie che vi partecipano. La forza della nostra regione è proprio la forza del volontariato e noi dobbiamo saper riconoscere e supportare le energie positive del territorio”.

TORNA ALLA HOME