Per lo sport di Cologno al Serio oggi è una giornata storica. Si è da poco conclusa la conferenza stampa che ha visto seduti al tavolo Roberto Samaden, vicepresidente Sgs, Gianfranco Andreoletti (Consiglio direttivo Figc-Sgs), Giuseppe Baretti (Lnd-Cr Lombardia), Giuseppe Terraneo, coordinatore Figc-Sgs Lombardia, Sara Landi, coordinatrice nazionale area psicologica Cft) e il sindaco Chiara Drago per l’ufficializzazione della trasformazione dello stadio “Giacinto Facchetti” in Centro federale territoriale.

I Centri federali territoriali

Con l’apertura dei nuovi Centri federali territoriali il programma del settore giovanile e scolastico arriva a quota 36 strutture attive sul territorio nazionale. Quello di Cologno, che oggi vede la luce, è il quinto in Lombardia. Un progetto ambizioso, iniziato nel 2015 e che nel quinquennio intende arrivare alla creazione di 200 Cft per un investimento di 9 milioni di euro.

La bergamasca, un vivaio importante

Durante la conferenza stampa è stato sottolineato come nella Provincia di Bergamo siano nati tanti campioni. Non ultimo proprio Davide Astori, il capitano della Fiorentina scomparso ieri a 31 anni stroncato da un infarto. Per lui un minuto di silenzio che ha unito tutti in un profondo cordoglio.

I Cft nascono, quindi, proprio per sostenere i giovani nella crescita atletica, ma non solo. Spesso, come è stato evidenziato anche oggi, sono i genitori il primo vero problema: positivo l’incitamento, ma bisogna permettere ai ragazzi per prima cosa di divertirsi. Una questione di etica: per crescere buoni atleti bisogna prima di tutto crescere ed educare buoni cittadini.

Leggi anche:  Ancora caldo estivo e punte di 30 gradi in Valpadana

L’iter di Cologno

La proposta per trasformare il “Facchetti” in Centro federale territoriale è stata avviata in prima battuta dall’Oratorio Cologno che si occupa proprio della gestione e crescita dei più piccoli. La Figc ha effettuato poi diversi sopralluoghi per valutare le condizioni e lo standard di qualità del centro alla fine giudicato idoneo. A novembre si sarebbe dovuta tenere la prima partita di livello, un’amichevole dell’Under 19 contro la Finlandia poi scippata in ultimo da Brescia.

La formazione

I Cft si pongono l’obiettivo di svolgere un ruolo rilevante nella formazione tecnica dei giovani calciatori attraverso il monitoraggio dell’attività di medio-lungo termine e lo sviluppo di percorso di formazione tecnico-sportiva ed educativa. I Cft si avvalgono di uno staff tecnico che prevede la copertura di tutti i ruoli da quelli dirigenziali, a quelli dei preparatori fino al lato psicologico.

Per Cologno una buona notizia accolta con favore dal primo cittadino Chiara Drago che ha commentato con soddisfazione questo risultato. Ecco cosa ha detto durante la conferenza stampa. (Guarda il video)