Giacomo e Matteo dalla Bassa alla Maratona di New York. Un sogno che si realizza per due podisti della Bassa che da Caravaggio e Martinengo hanno partecipato alla maratona più famosa e partecipata: quella della Grande Mela lo scorso 3 novembre.

Giacomo, un regalo di matrimonio da favola

Giacomo Merla, di Romano, ma da anni residente a Martinengo ha realizzato un sogno. Appassionato di podismo da una decina d’anni si è avvicinato a questo sport quasi per caso. Domenica mattina è stato convinto da un gruppo di amici ad uscire per una corsetta e non si è più fermato. Poi a sorpresa prima dell’inizio dell’estate riceve dalla moglie per l’anniversario di matrimonio un regalo inaspettato: la partecipazione alla maratona newyorkese.
Giunti al giorno della gara Giacomo ha indossato il pettorale numero 18698 ed ha terminato la gara in 3h 25m 17s, classificandosi 5002 su oltre 55 mila partecipanti.

“E’ stato veramente incredibile, durante tutta la gara c’era il pubblico che mi incitava, mi sentivo un atleta professionista”.

Matteo ha conquistato il record personale

Matteo Nodari, 26 enne caravaggino, ha iniziato da poco a fare maratone. La prima a cui ha partecipato è stata quella di Milano nel 2018 a cui sono seguite quelle di Berlino e Firenze e, nel 2019, Roma e Stoccolma. Poi, finalmente, New York dove ha realizzato il suo record personale completando i 42km del percorso in 3 ore e 47 secondi.

“Per chi ama correre New York non è una maratona, New York è la maratona – ha detto Nodari – è stata un’esperienza indescrivibile. In città si respira un clima speciale, basta uscire a fare una corsetta a Central Park per rendersene conto”.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio, Romano Week e Cremasco Week in edicola da venerdì 15 novembre.

Leggi anche:  Tetto in fiamme in via Padova a Treviglio, a Caravaggio brucia un trattore VIDEO

TORNA ALLA HOME