Il vincitore dalla fortuna sfacciata che con 2 euro ha vinto 209 milioni a Lodiancora non si sa chi sia. E probabilmente non lo si saprà mai… Ma a far le spese della sua “impresa” al Superenalotto (s’è aggiudicato il montepremi più alto di sempre) ora sono i titolari del bar Marino, che dopo l’euforia iniziale, ora si ritrovano a gestire frotte di avventori che vogliono sapere chi è il neo-milionario per chiedergli un aiuto economico.

Vincita milionaria a Lodi

E’ capitato anche a noi: all’indirizzo di posta elettronica della redazione del nostro GiornaediLodi.it sono state diverse le richieste di pubblicare un appello con tanto di nome e cognome e numero all’indirizzo di Mister X: “Hai vinto tanto, se puoi aiutami, che ne ho bisogno”. Insomma, in tanti hanno auspicato una sorta di riequilibrio sociale, che però al momento è rimasto ovviamente solo sulla carta.

I titolari del bar: “Non abbiamo preso un euro”

Ma c’è anche chi si reca in pellegrinaggio al bar Marino di via Cavour, nel centro di Lodi, sperando di ritentare la giocata fortunata (in barba alla legge dei grandi numeri) e addirittura chi pensa che i titolari del bar abbiano percepito una quota della vincita e li subissano di richieste d’aiuto. Ma la verità è che i 209 milioni saranno intascati interamente dal fortunato vincitore – quando e se si farà vivo – senza che la ricevitoria che ha venduto la schedina vincente ne tragga alcun vantaggio se non quello di essere diventata famosa.

Leggi anche:  Guasto a Porta Garibaldi, rete Trenord in affanno: pesanti ritardi

Milionari in un giorno tornano poveri in due anni

Curiosa a questo proposito anche una statistica secondo cui nove su dieci maxi vincitori occasionali nel giro di due anni si ritrovano al punto di partenza. Non è così’ difficile insomma dilapidare una fortuna, soprattutto se non si è abituati ad averla… Come evitarlo? Grazie a investimenti oculati: il campo immobiliare ancora è abbastanza redditizio e sicuro, in alternativa anche oro e fondi, ma se siete fantasiosi (e coraggiosi) potete sbizzarrirvi con auto di lusso oppure aggiudicandovi, perché no, un’isola da sogno (non troppo grande però) ai tropici.