L’esperto, dopo un sopralluogo in paese, ha criticato le potature recentemente realizzate dal Comune.

Le potature degli aceri americani

Le potature degli aceri di via Bottesini e via Piave, tra il cimitero comunale e la stazione, erano state eseguite proprio nelle scorse settimane dall’Amministrazione comunale, che aveva giustificato l’intervento come necessario alla messa in sicurezza delle piante e dei binari troppo vicini ad esse.

Wojnar critico: “Intervento dannoso, piante destinate a morire”

Il dottore forestale Andrea Wojnar di Palazzo Pignano, però, ha criticato duramente le potature: “Gli aceri di Capralba sono stati completamente privati delle chiome – ha dichiarato l’esperto – Una devastazione arborea simile non è una potatura, ma una lenta condanna a morte delle piante, che entro una quindicina d’anni non ci saranno più”.

Un errore diffuso

“L’errore è alla base, perché in quel punto non si dovevano piantare alberi così grandi, manca lo spazio – ha proseguito Wojnar – Purtroppo ho documentato molti altri casi simili in altri paesi del cremasco, come a Spino d’Adda e Monte. Per prima cosa bisogna mettere gli alberi nei luoghi adatti, mentre la miglior potatura è quella che, una volta terminata, non è visivamente percepibile se non da un occhio esperto”.

Leggi anche:  Cambio gomme: da oggi al 15 maggio bisogna togliere le invernali

 

Puoi saperne di più sul Giornale di Treviglio e CremascoWeek in edicola questa settimana.

TORNA ALLA HOME.