Domenica Romano ha commemorato per il IV novembre i caduti romanesi nelle guerre, con un pensiero speciale per i 148 concittadini che hanno perso la vita nella Prima Guerra Mondiale.

Il IV Novembre

Ieri, domenica, la città intera si è fermata per ricordare chi ha sacrificato la propria vita per difendere la nazione durante le guerre. La manifestazione ha preso via da Piazza Longhi, con un corteo che ha attraversato il centro cittadino fermandosi al monumento dei caduti.

Il monumento restaurato

Nel corso della cerimonia istituzionale, il sindaco Sebastian Nicoli, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco volontari di Romano ha scoperto il monumento dei caduti restaurato. Oltre alla lucidatura delle statue, sulle lastre di marmo sono stati incisi i nomi dei caduti romanesi venuti alla luce grazie alle ricerche di Rinaldo Monella che ha dedicato ai combattenti romanesi un doppio volume “Soldati” presentato sabato nella sala della Rocca.

I caduti della Grande Guerra

Nel centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, Romano ha dedicato un pensiero speciale ai 148 concittadini morti durante il conflitto. Domenica sono state distribuite 148 cartoline con impresso su ognuna il nome di uno dei caduti. I nomi dei combattenti sono stati chiamati uno alla volta e le cartoline depositate in un cesto posto ai piedi del monumento. In cambio il portatore della cartolina ha ricevuto un palloncino che ha liberato nell’aria insieme agli altri 147 in rappresentanza dei caduti.

TORNA ALLA HOME