Domenica scorsa la comunità di Camisano ha onorato il prete-costruttore. Don Ottorino Marcolini nel dopoguerra ha dato casa a tante famiglie, impegnandosi personalmente a rispondere alle emergenze abitative.

La cooperativa

Attraverso la cooperativa «La famiglia», negli anni Cinquanta e Sessanta don Marcolini ha progettato e fatto costruire almeno un centinaio di abitazioni in paese. Domenica scorsa, nel contesto della «Festa di Santa Croce», la comunità si è stretta attorno al ricordo del prete costruttore. Prima la messa solenne e poi la processione lungo la via che porta il nome del sacerdote

Il ricordo del sindaco

«Don Marcolini ha realizzato migliaia di case sia nel nostro territorio che in quello bresciano: aveva l’obiettivo di dare un tetto alle famiglie che non ce l’avevano – ha raccontato il primo cittadino Adelio Valerani al termine della manifestazione – La sua cooperativa, in un certo senso, ha salvato il Comune di Camisano, perché molti di coloro che hanno costruito qui, poi sono rimasti».

Leggi anche:  Con Trenord al Jova Beach Party, biglietti a 10 euro per i treni notturni

TORNA ALLA HOME