E’ ufficiale: la moschea di Zingonia ha trovato una nuova sistemazione. I fedeli potranno utilizzare, per un periodo di tempo limitato a 2 anni, il capannone acquistato tempo fa lungo Corso Europa, al confine con Verdellino. Pochi metri di distanza dall’attuale sede.

Nuova sede per la moschea di Zingonia

Quando l’anno scorso erano iniziati i lavori di sistemazione del tetto del capannone di proprietà dei fedeli islamici in Corso Europa in tanti avevano “dato l’allarme”. Ma finora l’Amministrazione comunale di Ciserano aveva sempre negato all’associazione Ar-Rhama di spostarsi in quegli spazi. Anche qualche settimana fa durante l’ultimo incontro con la prefettura tutti e cinque i sindaci dell’area di Zingonia si erano detti contrari a uno spostamento in quella sede. Lunedì sera però il sindaco di Ciserano Enea Bagini ha dato l’ok allo spostamento.

Una soluzione temporanea

Si tratta di una soluzione temporanea: al massimo due anni il periodo di permanenza dei fedeli all’interno del capannone, che rimarrà ad uso industriale. Dopodichè l’associazione dovrà spostarsi nuovamente in un’altra sede. “Il problema delle torri – aveva dichiarato settimana scorsa il sindaco di Ciserano Enea Bagini a margine dell’ultimo Consiglio comunale – non è stato causato dai fedeli che si ritrovavano a pregare ma dalla criminalità. Una soluzione va trovata. I lavori di demolizione procedono a grande velocità e la Vitali è ampiamente in anticipo sulla tabella di marcia. L’associazione è stata molto collaborativa ma le soluzioni proposte non sono praticabili. Ci hanno chiesto spazi nei locali dell’ex Famila o nei capannoni nella zona a sud del paese, ma nessuno di questi è adeguato”.

Leggi anche:  Edilizia 2.0: ecco l'idea di tre giovani barianesi

Così la scelta è ricaduta sul capannone in Corso Europa. Una decisione che sicuramente farà discutere.

TORNA ALLA HOME