Laura Pausini ha fatto visita a Fabio Muroni nel pomeriggio di ieri.

Laura Pausini incontra Fabio Muroni

Momenti di commozione e gioia quando ieri pomeriggio il piccolo Fabio ha ricevuto la visita di Laura Pausini. Sopresa per lui ma anche per papà Vittorio, mamma Michela, le infermiere e tutto il personale della Pediatria dell’Ospedale Maggiore di Lodi.

Laura Pausini a Lodi

Una lettera su Facebook

Tutto è partito da una lettera scritta da Fabio su Facebook:

“Lettera aperta a Laura Pausini,
Cara Laura sono un tuo piccolo fan ho 12 anni e sono un bimbo speciale ho una tetra paresi spastica, encefalo-patia, sindrome di west, sin da piccolo i miei genitori mi facevano sentire la tua musica e quando sentivo la tua voce mi tranquillizzavo, anche quando ero in America per i periodi di riabilitazione intensiva la tua voce e le tue canzoni mi accompagnavano nei momenti tristi e felici e ogni volta che uscivi con una nuova canzone riconoscevo subito che eri tu. Fra tutti i cantanti che ascolto sei l’unica che mi rilassa e se piango per qualche dolore appena sento la tua voce smetto di piangere ascolto incantato e a volte sorrido, in questo momento non sto attraversando un buon momento anzi a detta dei medici non so quanto possa andare avanti mi piacerebbe che tu fra i tuoi super impegni trovassi qualche minuto per venire a trovarmi in ospedale, ti ringrazio per tutto”.

La sorpresa

La lettera ha presto fatto il giro dei social e ieri pomeriggio la sorpresa. I familiari di Fabio erano stati avvisati nel pomeriggio di domenica che sarebbe arrivato un pacco dono da parte della cantante nella giornata di lunedì, e invece poi è venuta a portarlo lei di persona.  L’artista è arrivata all’ospedale Maggiore verso le 15.30 e ha regalato al piccolo una copia del suo ultimo disco uscito pochi giorni fa.

Leggi anche:  Scomparsa 14enne da Lodi: si cerca Gemma

Il video dell’incontro

Le cure in Florida

I lodigiani sono molto affezionati a Fabio: nel 2009 era scattata una gara di solidarietà per permettergli di recarsi con i genitori in America e sottoporsi a cure avanzate. Le terapie in un centro specializzato della Florida avevano dato dei frutti ma la famiglia ha poi dovuto fare rientro in Italia.