L’insegnante della scuola materna di Rivolta, Clara Pacella licenziata via WhatsApp come annunciato trascinerà l’istituto in Tribunale per fare valere i suoi diritti.

La causa

Come annunciato dalla Tunisia dove si trovava in vacanza con la famiglia, l’insegnante della scuola materna ha impugnato il licenziamento. Per l’istituto si profila una nuova battaglia legale, intanto a settembre i bambini non ritroveranno più la loro maestra.

I precedenti

Una brutta storia quella che ha fatto finire nuovamente alla ribalta delle cronache la scuola dell’infanzia del paese, dopo la denuncia di due genitori e le ispezioni di Ats e Nas. D’altra parte non è la prima volta che le dispute tra l’insegnante e la scuola, e quindi il Cda della «Fondazione asilo infantile» che la gestisce, finiscono davanti a un giudice. Quello che ha fatto scalpore però, questa volta, è stata soprattutto la modalità del licenziamento. Un messaggio su WhatsApp, inviato mentre la maestra si trovava in vacanza con marito e figli.

La reazione

Rientrata dall’estero, l’insegnante ha voluto aprirsi e parlare della vicenda, esprimendo tutta la sua amarezza. «Un messaggio inviato dal numero del cellulare in uso dalla vecchia direttrice per annunciarmi il licenziamento che mi ha anche rovinato una vacanza tanto agognata quanto sudata…”

Leggi anche:  Mezzi comunali, durante le manifestazione chi li usa?

Leggi di più su Giornale di Treviglio in edicola

Torna alla home