Non solo impegno e generosità. La Festa della Madonna delle Lacrime, a Treviglio, è anche l’occasione per consegnare il San Martino d’oro, un riconoscimento all’eccellenza nello studio e nel lavoro. Alle Forze dell’ordine il riconoscimento con le medaglie commemorative del Miracolo.

San Martino d’oro

Ancora una volta a consegnare i premi è il sindaco Juri Imeri, insieme al vicesindaco Pinuccia Prandina e al consigliere provinciale Claudio Bolandrini, al termine della consegna dei Premi della Madonna delle Lacrime.

Fabio Pruneri

Fabio Pruneri

I genitori del professor Pruneri abitano a Treviglio. È docente all’università di Sassari, dove insegna dal 2000. Ha vinto, nel 2013, il concorso nazionale di docente ordinario in Storia dell’Educazione. È professore associato al dipartimento di Storia, Scienze dell’Uomo e della Formazione dell’Università di Sassari, ove insegna “Storia della Scuola”, “Storia delle politiche educative”, “Storia dell’Educazione”. È membro del comitato di redazione della rivista “Annali di Storia dell’Educazione e delle Istituzioni Scolastiche”. Dal 2011 rappresenta l’Italia nell’editorial board della rivista internazionale di storia dell’educazione. Svolge da oltre un decennio attività all’interno della comunità dell’International Standing Conference for the History of Education (ISCHE).

Cecilia De Bernardi

Cecilia De Bernardi

Cecilia De Bernardi Abita a Treviglio. Studentessa universitaria alla quale l’8 novembre 2018 è stato conferito il prestigioso titolo di “Alfiere del lavoro” dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’eccellenza negli studi (impegno e merito). Una media voto nel primo quadriennio di superiori pari a 9,875 e il punteggio di 100/100 e lode all’esame di Stato – oltre che al punteggio medio di 10/10 e lode al Diploma di Licenza Media – sono valsi la segnalazione della giovane da parte degli insegnanti, con la giovane trevigliese che prima è stata inserita nella speciale classifica “parziale” dei 2.766 studenti italiani più meritevoli e poi si è aggiudicata l’ambito riconoscimento. In passato Cecilia ha conquistato il primo posto nell’Agòn Polymathéias, gara nazionale di traduzione dal greco antico. Un esempio per i giovani.

Riccardo Riganti

Riccardo Riganti

Riccardo Riganti Direttore dal 1981 al 2017 della Biblioteca Civica di Treviglio, ha ritirato il premio senza riuscire a frenare le lacrime. Oltre alle 5 biblioteche cittadine ha guidato il sistema museale, comprensivo del museo scientifico, della Pinacoteca, del museo archeologico e quello verticale. Persona colta e disponibile, sensibile alle necessità dell’utenza, ha saputo anticipare le linee di sviluppo più innovative in tema di servizio bibliotecario, non solo guardando Treviglio ma anche tutta la pianura bergamasca. Testimone e protagonista della vita artistica e culturale cittadina.

Leggi anche:  Interventi di Urologia in diretta dalla sala operatoria

Mario Barbieri

Mario Barbieri

Mario Barbieri Nato il 17 dicembre 1944, vive con la moglie Maria a Treviglio. Molto conosciuto nell’ambiente calcistico per i suoi infiniti trascorsi nel calcio giovanile trevigliese. Ha iniziato a fine anni ’60, inizio anni ’70, in principio facendo l’arbitro sui campi di calcio e successivamente allenando bambini trevigliesi. Il suo tempo libero l’ha sempre dedicato al mondo del calcio sotto forma di volontariato, per oltre 40 stagioni, senza pause. Presidente onorario dell’Acos, grande animatore del settore giovanile, persona amata dai bambini, dai genitori e dai nonni. Personaggio instancabile e dall’animo gentile, ha avuto il piacere di “insegnare” ad oltre tre generazioni trevigliesi.

Le medaglie commemorative

Anche quest’anno il primo cittadino ha consegnato alcune medaglie commemorative alle Forze dell’ordine per il loro impegno costante sul territorio.

A ritirarle il maggiore Davide Onofrio Papasodaro, al comando della Compagnia dei carabinieri di Treviglio, il capitano della Guardia di Finanza di Treviglio Maria Luisa Ciancia e un commosso vice questore della Polizia di Stato di Treviglio Angelo LinoMurtas.

“Ritiro il premio per i ragazzi che ogni giorno rischiano vita per aiutare gli altri”, ha commentato Murtas.

Premio anche per il comandante della Polizia stradale Fabio Barzocchini che si è detto felice e grato per la lotta del Comune in difesa del Commissariato trevigliese che ha rischiato seriamente di subire la chiusura. Presente a ritirare la media anche Giovanni Strazzeri della Polizia Ferroviaria e il comandante della Polizia locale Antonio Nocera.

LEGGI ANCHE: Madonna delle Lacrime 2019 | Impegno e solidarietà, ecco chi sono i trevigliesi più buoni FOTO

TORNA ALLA HOME