Anni fa il Serio faceva molta più paura. Ma una pioggia abbondante come quella degli scorsi giorni e un vento tanto forte, non si erano mai visti prima.

I racconti dei pensionati

A certificarlo sono i racconti del gruppo pensionati di Bariano, che ogni giorno si ritrovano al proprio circolo in via Misericordia 9. E così hanno fatto anche martedì pomeriggio, il giorno dopo la “tempesta”, quando si sono confrontati con il passato. Perché, infatti, quando loro erano giovani (si parla degli anni 50-60), “ne scendeva di acqua”, ma in modo più graduale. Mai avevano visto piovere così tanto in così poco tempo. E per quanto riguarda le raffiche di vento, sono in pochi a dire di aver visto qualcosa di simile in passato.

A Bariano il Serio arrivava in paese

Ma “a Bariano è andata ancora bene questa volta, non come anni fa – ha raccontato un pensionato – quando, cioè, il fiume a causa della pioggia straripava e arrivava in paese”. E non come ha fatto lunedì, che all’altezza di Bariano il fiume è sì fuoruscito dagli argini, ma ha inondato solo i campi limitrofi. Anni fa quando il fiume usciva, raggiungeva il centro storico e le abitazioni, non si fermava in campagna. Tutto ciò è accaduto almeno due volte, o almeno così ricordano gli anziani barianesi. La prima nel 1966 quando 60 centimentri di acqua impedivano di camminare per le strade e di rimanere nelle abitazioni allagate. E poi di nuovo la stessa storia negli anni ‘70.

Leggi anche:  Scatta l'obbligo catene a bordo o pneumatici invernali: ecco in quali tratti del nostro territorio

Gli argini nuovi hanno cambiato la situazione

“Poi è cambiato tutto – ha spiegato un membro del gruppo pensionati – quando, cioè, sono stati realizzati gli argini, che a Bariano sono molto alti e resistenti. Ecco perché è difficile che episodi, che in passato erano più frequenti, capitino di nuovo. E, infatti, il Serio è uscito a Mozzanica e Sergnano, dove il letto del fiume si restringe e quindi l’acqua esce più facilmente. In ogni caso, erano anni che non si vedeva un Serio così pieno. Specialmente domenica. Quel giorno ho seriamente temuto che potesse verificarsi un caso simile a quello del ‘66, anche se fortunatamente non è stato così. Di certo, posso confessare che anni fa il fiume faceva molta più paura. Oggi grazie a dio tutto è sotto controllo. Anche se così tanta pioggia e un vento tanto forte in pochissimo tempo non si erano mai visti. Almeno da queste parti”.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME