Una nuova ondata di maltempo ha investito la Lombardia e non ha risparmiato il Cremasco. Ai territori di Casaletto Vaprio e Trescore Cremasco è toccato fare i conti con due giorni segnati da venti forti e acquazzoni improvvisi che hanno reso le strade come fiumi.

Tromba d’aria

Domenica notte, una tromba d’aria ha provocando disagi in varie zone di entrambi i paesi. La forza del vento ha abbattuto le grondaie delle abitazioni, sradicato gazebo e scoperchiato i tetti. Fortunatamente, il nubifragio non ha causato feriti. Rami rotti, giardini squassati, antenne a penzoloni. Questo il bilancio dei danni al termine della bufera di domenica. Lunedì i due paesi si sono trovati a fare i conti coi danni causati dal temporale della notte precedente.

Blackout e alberi caduti

A Trescore sono intervenuti i Vigili del Fuoco per rimuovere tre cipressi caduti sui cavi elettrici di viale De Gasperi, mentre a Casaletto gli operai hanno messo in sicurezza alcune strutture danneggiate in zona stazione. Alcune aree del paese sono state interessate da momentanei blackout, ma le abitazioni colpite hanno visto la corrente elettrica ripristinata nel giro di poche ore.

Leggi anche:  Meteo, ancora maltempo nel weekend

Casaletto come Venezia

Nella notte però, la pioggia ha ricominciato a scendere copiosa, allagando le strade. A Casaletto Vaprio, strade come fiumi. Via Roma ha preso le sembianze di una piccola Venezia. Uno scenario surreale, con gli abitanti costretti a uscire di casa calzando gli stivali di gomma. Situazione simile a Trescore, sulla provinciale 2, dove l’acqua ha invaso la sede stradale rischiando di mettere in pericolo la viabilità. Alcune rogge sono esondate, le cantine e le taverne di alcune abitazioni allagate.

TORNA ALLA HOME