E’ arrivato il nuovo parroco a Verdellino e Zingonia. Grande festa sabato e domenica per dare il benvenuto a don Stefano Piazzalunga.

Nuovo parroco a Verdellino e Zingonia

“E’ fatta!” ha commentato così don Marco Perletti, vicario parrocchiale che per circa sei mesi ha traghettato l’unità pastorale, la firma del documento che ha ufficialmente consegnato i parrocchiani nelle mani di Don Stefano Piazzalunga. Una frase semplice che nasconde una grande commozione. Commozione nei parrocchiani, divisi tra la gioia dell’accoglienza del nuovo parroco e il rammarico nel salutare don Marco che in pochi mesi ha saputo farsi ben volere da tutta la comunità.

Doppia festa per don Stefano

Una folla festante ha accolto don Stefano a Verdellino, sabato pomeriggio. Affollatissima la chiesa parrocchiale nella quale erano presenti anche tanti spiranesi che hanno salutato, non senza qualche lacrima, il parroco che li ha accompagnati per 9 lunghi anni. Presenti alla cerimonia il sindaco Silvano Zanoli insieme a numerosi membri della giunta nonchè il vicesindaco reggente di Spirano Yury Grasselli con l’ex sindaco (ora consigliere regionale) Giovanni Malanchini e l’assessore Ramona Rizzi. Ad accogliere il nuovo parroco a Verdellino i bambini della scuola materna parrocchiale che hanno intonato un canto di benvenuto. Non meno gremita, domenica mattina, la chiesa di Zingonia, con una folta rappresentanza delle istituzioni e il gruppo degli scout.

Leggi anche:  Treno soppresso: 200 bimbi "ostaggio" delle ferrovie

L’addio di don Marco

Numerose le manifestazioni di stima ed affetto per Don Marco Perletti che ha guidato la parrocchia per 6 mesi. “Non avrei mai pensato che un giorno sarei arrivato qui a Verdellino – ha detto don Marco durante la messa – nel paese della mia nonna paterna. Ringrazio Don Lorenzo, Don Francesco, tutti i volontari dell’oratorio, Suor Anna, le insegnanti e le dipendenti dell’asilo parrocchiale. Vi chiedo perdono per le mie inadempienze, il mio parlare e diretto senza fronzoli che può forse aver generato alcune incomprensioni”.

TORNA ALLA HOME