Ospedale, il chirurgo Giovanni Sgroi in pensione da gennaio.

Sgroi va in pensione

L’ASST Bergamo Ovest ha ricevuto le dimissioni per pensionamento di Giovanni Sgroi, Direttore del Reparto di Chirurgia 2° del Presidio Ospedaliero di Treviglio-Caravaggio e del Dipartimento Scienze chirurgiche dell’ASST Bergamo Ovest, dimissioni annunciate ieri, 20 novembre 2019, al Collegio di Direzione personalmente dallo stimato chirurgo.

Il professor Sgroi, molto conosciuto e apprezzato professionista sia a livello locale che nazionale, svolge la sua attività nel Presidio Ospedaliero di Treviglio – Caravaggio dal 1° febbraio 2011 quando fu nominato Direttore della Struttura complessa allora chiamata Chirurgia Oncologica e dal marzo 2011 ricopre ininterrottamente il ruolo di Direttore di Dipartimento dell’Area Chirurgica (oggi Dipartimento Scienze Chirurgiche).

Una storia iniziata nel 1980

Il rapporto con il nosocomio trevigliese è, però, ancora più datato: Giovanni Sgroi entrò come assistente, da neo laureato, nel settembre 1980 al Consorzio degli Ospedali di Treviglio Caravaggio e si trattenne fino al 1997, prima di lasciare Treviglio per Milano, all’Azienda Ospedaliera San Paolo e all’Azienda Ospedaliera di Seriate.

“Nell’ASST Bergamo Ovest, – dichiara Peter Assembergs, Direttore Generale – ed in generale nella sanità è in corso in questi anni un grandissimo ricambio generazionale, in conseguenza del quale stimati professionisti vanno in pensione, come nel caso del Professor Sgroi. Nell’occasione voglio ringraziarlo pubblicamente per i lunghi anni passati al servizio di quest’azienda e per le migliaia di pazienti che ha curato, nonché per l’aiuto che mi ha fornito quale Direttore di Dipartimento”.

Giovanni Sgroi
Il dg Peter Assembergs con il professor Sgroi

Il grazie del primario

“Con dispiacere, ma doverosamente, termino la mia attività clinica in un’Azienda da cui ho tanto ricevuto in termini di professionalità e visibilità – afferma Giovanni Sgroi – . Un sentito ringraziamento all’attuale Direzione Strategica che mi ha permesso di terminare la mia carriera nella completezza dei ruoli professionali di Primario e di Direttore di Dipartimento. Un grazie a tutto il personale con cui ho avuto modo di lavorare in questi lunghi anni e a questo territorio, nelle figure dei pazienti e delle Istituzioni che hanno avuto fiducia e stima nella mia attività”.

Professionista di alto livello

Nel suo curriculum spiccano, oltre la Maturità Scientifica con il massimo dei voti, la Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Messina conseguita con lode e ben tre Specializzazioni in Chirurgia Generale e d’Urgenza, Chirurgia dell’Apparato Digerente, in Chirurgia Vascolare.

Leggi anche:  Lavori sulla Francesca attenzione al senso unico alternato

È professore a contratto presso la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Generale della Università Statale di Milano, Ateneo con cui la nostra ASST ha una stretta collaborazione, essendo l’Ospedale di Treviglio – Caravaggio sede stabile di frequenza dei giovani Specializzandi, che qui completano il proprio iter formativo. È membro delle più importanti Società scientifiche chirurgiche italiane ed europee, e ha pubblicato numerosi articoli su riviste scientifiche e capitoli in trattati di chirurgia.

LEGGI ANCHE: All’ospedale di Trevglio due operazioni in diretta mondiale

Nella sua lunga carriera Sgroi ha sviluppato forti competenze nell’ambito della chirurgia dei tumori addominali (Esofago, Stomaco, Colon e retto, Fegato e Pancreas), soprattutto con approccio laparoscopico avanzato, lavorando sempre in strutture di elevato livello qualitativo e quantitativo. Negli ultimi anni a Treviglio ha accresciuto l’applicazione clinica delle evidenze in oncologia, con particolare attenzione alle neoplasie dello stomaco, del retto e del distretto epatobiliopancreatico. Parallelamente, ha acquisito notevole esperienza nella Chirurgia Mininvasiva Laparoscopica avanzata applicata a tutta la chirurgia addominale oncologica e non.

In sala operatoria con il professor Sgroi

Il 30 novembre dello scorso anno gli occhi di tutto il mondo scientifico erano rivolti a Treviglio. In particolare nella sala operatoria dove il dottor Sgroi e la sua equipe stavano per procedere a due interventi sotto l’occhio delle telecamere avanzatissime che hanno proiettato l’intervento in diretta all’Auditorium di Roma, e in streaming in diversi centri di Chirurgia oncologica in tutto il mondo.

TORNA ALLA HOME