Anche quest’anno sono centinaia le persone che hanno scelto di festeggiare la Pasquetta con un pic nic sull’Adda. Non mancano però le lamentele circa la mancanza dei servizi igienici.

Tradizioni e lamentele

Se da un lato, complice la bella giornata di sole, sono moltissimi i faresi e i cassanesi felici di poter trascorrere il pranzo di Pasquetta all’aperto, neanche quest’anno sono mancate le lamentele.  Pur sapendo dell’arrivo di centinaia di persone, infatti,  su entrambe le sponde dell’Adda mancano i bagni chimici. Se sul lato farese nelle vicinanze si possono però trovare esercizi pubblici, sull’altro, al Pignone, bisogna percorrere oltre un chilometro.

E i Comuni?

Nonostante le famiglie si siano attrezzate con tutto e di più, compresi i carrelli della spesa per trasportare cibi e bevande, sono davvero in molti a denunciare l’assenza di bagni chimici nell’area pic nic. “Ormai sono anni che a Pasquetta centinaia di persone vengono qui per il pic nic. Possibile che i Comuni di Cassano e Fara non possano mettere dei bagni chimici per questa sentita ricorrenza?”. Di certo è un problema, se si pensa al numero di persone e al fatto che molti sono bambini.

Leggi anche:  Torneo di scacchi per i ragazzi delle scuole a Spirano