Grande festa per i 100 anni di Pierino, il decano di Palosco e fante, reduce dalla seconda guerra mondiale.

Piero Belometti fante centenario

Sabato, nel cortile della sua casa si sono radunati parenti, amici, vicini, autorità dell’associazione dei Fanti, la sezione di Palosco e compaesani di altre forze d’arma. Arzillo, con la battuta pronta, Pietro Belometti ha festeggiato i suoi 100 anni con indosso la maglia dell’Atalanta e il tipico foulard rosso e blu. La festa è iniziata con un momento istituzionale, l’inno alla bandiera e la Leggenda del Piave, al quale è seguito l’intervento di don AgostinoPlebani per una preghiera.

I sènto del Piero

Emozionante e divertente la poesia composta e letta dal figlio Alfredo, che racconta in bergamasco la vita del padre.

I sènto del Piero

L’era ol ventòt dè sètembèr dèl dèsnof

quando ol Pierì l’a sbusat l’öf.

Dè sccèt l’éra npo birichì ma dòpo

l’amparàt a laorà i compàss alura

l’a sbaŝat zoo l cupì.

A entàgn l’è dèèntat soldat,

al pènsaa chèl fodès öna spasèzada

nvece l’a ciapàt la stangàda:

sèt àgn luntà dè ca, dè cui tri in Merica

ndo l’a troat dèlbù l’America.

Quando l’è turnat

al ghéra piö gnè l’materàss,

ma l’a troàt la Riciola che l’aspètaa

alura al l’aspusàda.

Ghè pasàt i agn, bei, bröcc, frècc, föm e fam

ma a la fì ai sènto l’è riat.

N’co nsèche insèma che m’al festègia

sènza però tiraga l’orègia.

 

Leggi anche:  Piogge intense, l'autunno entra nel vivo METEO

Una targa per non dimenticare

Alla festa hanno partecipato le autorità tra cui il presidente della federazione bergamasca dei Fanti, Luciano Dehò che ha donato a Pierino una targa che rappresenta un combattente fante che sta andando avanti nella guerra con la scritta “Per non dimenticare”. Presente anche il cavalier Antonio Beretta, per otto anni presidente nazionale e poi vice presidente vicario nazionale per altri cinque anni.

Tutta Palosco a salutarlo

Tra un saluto in inglese ed una stretta di mano, per Piero è stata una lunga giornata. “Non ho mai visto così tanta gente farmi visita – ha detto – è da questa mattina che arrivano e scommetto che è passato tutto Palosco. Sono contento di vedere tanti amici e li saluto ancora dicendo ‘Bye-bye’, come quando eravamo in America. Io ci spero anche per l’anno prossimo”.

Leggi di più su RomanoWeek in edicola venerdì 4

TORNA ALLA HOME