Tra lunedì e martedì un’intensa perturbazione atlantica porterà piogge intense, temporali e un calo delle temperature su molte regioni.

L’autunno entra nel vivo con piogge intense

L’autunno bussa alle porte e un’intensa perturbazione atlantica si farà sentire, tra lunedì e martedì, a partire dal Nord Italia. “Il campo di alta pressione posizionatosi da ormai diversi giorni sul Mediterraneo e che ha favorito un’altra fase di tempo complessivamente stabile e piuttosto mite, andrà rapidamente indebolendosi già dalle prossime ore per l’arrivo di masse d’aria più umide ed instabili di origine atlantica – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com Andrea Vuolo -. Ci attende infatti un inizio di settimana piuttosto movimentato sull’Italia per l’arrivo di un primo fronte perturbato che determinerà il transito di piogge, rovesci e temporali localmente di forte intensità soprattutto sulle regioni centro-settentrionali del nostro paese, segnatamente tra la fine di lunedì e nella giornata di martedì”.

L’evoluzione del meteo

Sarà un lunedì 14 ottobre 2019 già piuttosto nuvoloso tra Piemonte, Liguria, Toscana e Lombardia centro-occidentale; soleggiato altrove ma con banchi di nebbia e nubi basse tra Triveneto, Emilia-Romagna, valli del Centro e medio versante adriatico (coste comprese), ma in graduale dissolvimento già in mattinata. Tra pomeriggio e sera prime deboli piogge attese tra Liguria, basso Piemonte, alta Toscana e Ovest Lombardia, con temporali nella notte in particolare tra Savonese e Genovese dove i fenomeni risulteranno anche di forte intensità. Martedì maltempo al Nordovest, con piogge e rovesci su Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria (qui anche con temporali piuttosto intensi specie sulle aree costiere), alta Toscana e Lombardia centro-occidentale, in estensione entro sera anche su Triveneto, Emilia-Romagna, sul resto della Toscana, Umbria, Lazio, Sardegna centro-settentrionale, alte Marche e nord Campania; attesi temporali piuttosto intensi sulle coste delle regioni centrali tirreniche. Nuvolosità irregolare e schiarite sulle restanti regioni, ma ancora in un contesto stabile e senza precipitazioni. Mercoledì residue piogge all’estremo Nord-Est e su basso Tirreno, migliora altrove con schiarite specie dal pomeriggio ma clima più fresco pressoché ovunque.

Leggi anche:  Verona-Treviglio-Milano tra le peggiori in Lombardia, a dicembre bonus per i pendolari

Temperature in graduale diminuzione

“L’arrivo di masse d’aria di origine atlantica causerà anche un graduale calo delle temperature al Nord Italia e sul versante tirrenico già da lunedì, ancora in temporaneo aumento sul versante adriatico e all’estremo Sud a causa dei venti di Libeccio richiamati dalla perturbazione in arrivo dall’Europa occidentale”, aggiunge Vuolo di 3bmeteo.com. “Le massime scenderanno generalmente sotto i 16/20 gradi al Centro-Nord da martedì in poi, mentre rimarranno ancora comprese tra 21/26 gradi su medio-basso adriatico e Sud (Isole maggiori comprese), dove il calo termico avrà inizio soprattutto da mercoledì-giovedì”.

Tendenza nella seconda parte di settimana

“Secondo gli ultimi aggiornamenti anche la seconda parte di settimana potrebbe essere caratterizzata da una certa dinamicità dopo il miglioramento atteso tra mercoledì e giovedì – conclude l’esperto di 3bmeteo.com -. Un secondo fronte perturbato che dal Nord Europa raggiungerà l’Italia favorirà nuove piogge e rovesci soprattutto al Centro-Nord sul finire della settimana, con nevicate sulle Alpi a quote di alta montagna. Rimane comunque ancora una tendenza che dovrà essere confermata (o meno) nei prossimi giorni”.

TORNA ALLA HOME