Ponti ed infrastrutture a rischio crollo: dopo la tragedia di Genova, il monitoraggio dei presidenti delle Province lombarde. Ecco i primi risultati del check up.

Ponti lombardi a rischio: il check up delle Province

La tragedia del crollo del ponte Morandi a Genova dello scorso 14 agosto ha riportato d’attualità nel modo più traumatico nell’agenda del Governo la necessità di attuare una verifica con monitoraggio dello stato di conservazione delle infrastrutture stradali, ferroviarie ed idrauliche di competenza. Ed il 20 agosto anche alle Province lombarde è stato richiesto di presentare un elenco dei principali interventi ritenuti prioritari per evitare il ripetersi di tragedie analoghe. Mercoledì 29 agosto nella sede della Città metropolitana di Milano è stata indetta una conferenza stampa per fare il punto sulla ricognizione, alla presenza dei presidenti di tutte le province lombarde, del presidente dell’Unione province lombarde Pier Luigi Mottinelli e del presidente di Anci Lombardia e sindaco di Lecco  Virginio Brivio.

Nessuna struttura a rischio crollo, ma tante criticità

Cosa è stato detto? Partiamo dal fondo: non ci sarebbero ad oggi strutture di competenza provinciale giudicate a rischio di crollo e per le quali dunque debba essere prevista nell’immediato una chiusura precauzionale. Ma questo non vuol dire che non esistano situazioni di criticità, anzi. La ricognizione delle Province non è stata naturalmente realizzata ex novo in questa settimana, ma si basa su dati e attività di monitoraggio compiute con regolarità negli anni. Tanto che quelle che sono le strutture più a rischio è un dato che è già stato evidenziato negli scorsi giorni. A Milano ci sono sei cavalcavia che destano maggiore preoccupazione: sono quelli di via Filargo, corso Lodi, via Imbonati, il doppio svincolo autostradale di viale Certosa e il ponte ferroviario su viale Fulvio Testi. Strutture già da luglio sotto osservazione da parte di Comune e Ferrovie. A livello regionale, riflettori puntati nel Lecchese sul ponte che sovrasta la Super 36 collegando il centro di Civate con la frazione di Isella. Ma il Cnr osserva con molta attenzione anche il viadotto dei Lavatoi a Como, il viadotto sulla statale 42 del Tonale all’altezza di Ponte di Legno (Brescia), i ponti a Cesano Maderno e Bovisio Masciago sulla Superstrada Milano-Meda, in Brianza.

Monitoraggio a Lecco, Cremona, Como

Flavio PolanoLecco: “Non abbiamo situazioni di pericolo ma alcune di forte criticità, per ponti e cavalcavia utilizzati a livello industriale, anche in territori montani. Ne abbiamo un centinaio, sei dei quali dovranno essere ricostruiti, mentre altri sette devono essere rinforzati. Costo complessivo? 35 milioni di euro”. Davide ViolaCremona: “Sotto i riflettori i ponti sul Po, uno dei quali, verso Parma, abbiamo già chiuso l’anno scorso. Siamo stati criticati per questo ma è stato giusto farlo. Per un altro, sempre verso Parma, abbiamo stabilito il traffico alternato. Ed un terzo ponte, verso Piacenza, necessita di interventi”. Maria Rita LivioComo: “Abbiamo già avviato interventi per 4,7 milioni di euro e abbiamo segnalato ulteriori altri 23 interventi, per un totale di 21 milioni di euro. Con il Patto per la Lombardia è già finanziato il rifacimento di un ponte sulla ferrovia a Cantù, che ha 110 anni di età”.

Brescia e Sondrio

Ognuno dei presidenti di Provincia ha fatto in conferenza stampa una rapida panoramica della situazione nel proprio territorio. Nella veste di presidente di BresciaMottinelli ha ribadito: “Se la domanda è: ci sono strutture da chiudere, rispondiamo che la situazione è sotto controllo e che laddove è stato necessario chiudere dei ponti o ridurne il carico, questo è stato fatto. Sono anni che segnaliamo costantemente che le nostre strade necessitano di manutenzioni ed interventi: ora vogliamo la certezza delle risorse”. Luca Della Bitta, presidente della Provincia di Sondrio: “Abbiamo monitorato 65 situazioni critiche, di cui 5-6 particolarmente impegnative, che richiederebbero interventi per 10 milioni di euro”.

Leggi anche:  Ancora caldo estivo e punte di 30 gradi in Valpadana

Il check up a Pavia e Varese

Vittorio PomaPavia: “Ci preoccupano i nostri sei ponti sul Po, che necessitano interventi per 23 milioni di euro, metà dei quali già coperti. C’è in particolare il ponte della Becca, che ha ormai oltre cento anni. Ci sono ponti che sono giunti alla fine della loro vita e sui quali presto non potranno più circolare i mezzi pesanti. Analoga situazione per il ponte della Girola, per il quale abbiamo già investito sei milioni”. Caso a parte per il ponte che conduce alla raffineria di Sannazzaro, chiuso l’anno scorso e che sarà realizzato ex novo grazie a fondi di privati, naturalmente interessati all’opera. Nicola VincenziVarese: “Non ci sono situazioni veramente preoccupanti sui nostri 244 ponti, ma ciò non toglie che servono manutenzioni importanti. Con priorità ai ponti in calcestruzzo che hanno più di 50 anni, ne abbiamo quattro. Attenzione anche alla direttrice Saronno-Busto Arsizio, molto utilizzata”.

La situazione a Mantova e Monza, Lodi

Beniamino MorselliMantova: “Abbiamo 536 ponti, ventuno fluviali di cui cinque sul Po. Questi sono quelli con criticità maggiori anche per i carichi pesanti che sopportano. Ma sono in totale 32 le strutture che abbiamo evidenziato, con necessità pari a 25-30 milioni, in parte già coperti. Il nostro territorio è sensibile anche dal punto di vista sismico: c’è un piano di adeguamento da 120 milioni per le nostre 36 scuole”. Roberto InvernizziMonza: “La Sp 35 Milano-Meda racchiude molti elementi di criticità, essendo utilizzata da 100mila veicoli al giorno. L’attenzione è su 36 ponti in particolare, ma abbiamo necessità di sapere se tale arteria diverrà autostradale, se sarà parte della Pedemontana”. Nel 2009, tra Lodi e Piacenza, è crollato un ponte. Oggi il presidente Francesco Passerinidichiara: “Monitoriamo 96 ponti e la situazione è tranquilla. Ma ci sono 102 ponti sotto particolare osservazione nella zona sud, per i forti carichi che sostengono”.

Il quadro a Bergamo e Milano

Matteo RossiBergamo: “Abbiamo chiesto 40 milioni di euro di interventi al Governo: se questa è la stagione dell’autonomia per la Lombardia, speriamo di ottenere le risorse necessarie”. Per Arianna Censi, vicesindaco della Città metropolitana di Milano, il tema è quello dei carichi sostenuti dai ponti per i trasporti eccezionali: “Ma la situazione è complessivamente tranquilla. Non c’è comunque solo la Milano-Meda, ma una problematica più ampia legata ad esempio anche agli svincoli autostradali. L’investimento previsto è da diverse decine di milioni di euro, in parte già finanziati. Con una valutazione in particolare sui ponti che hanno più di 50 anni”. Non senza una nota polemica, Censi ha sottolineato come, dopo anni di svalorizzazione del ruolo delle Province, ora il Governo, sull’onda dei fatti di Genova, sembra averne invece riscoperto l’importanza: “Oggi si scopre che questo presidio è fondamentale”.