Ripiantumato di nuovo il parco delle Rimembranze a Urgnano, come un anno fa la Lega critica l’operato dell’Amministrazione Epizoi, poiché sostiene che il viale ora è in uno stato indecoroso.

L’opinione di Zammataro

“Già lo scorso anno abbiamo assistito alla prima sostituzione delle piante e quest’anno ancora una seconda volta – ha detto Maria Rosaria Zammataro – Ma come si presenta oggi il viale? Rami piantati su un pugno di terra posizionati in modo indecoroso. Gli urgnanesi avrebbero voluto un viale con un aspetto più curato e degno della suo ruolo storico. Questo viale da sempre rappresenta anche  un punto d’incontro  per i concittadini del paese. Oggi non è di certo piacevole camminare tra alberi lasciati in un deprimente abbandono”.

Come è il parco oggi?

“Gli arbusti infatti sono attorniati da un enorme ed informe collinetta di terra che con un po’ di acqua forma dei rigoli di fango, riducendo il parco ad un acquitrino – ha continuato Zammataro – Le pietre che dovrebbero circondare la parte attorno all’albero per delimitarne il contorno, sono state rimosse per permettere dell’espianto arboreo, riposte successivamente in modo scomposto e difforme al consueto, creando delle montagnette aggravate da rattoppi dell’asfalto che emergono come piccoli vulcani qua e là. Il decoro urbano non viene minimamente considerato? Dov’è una attenta manutenzione e cura?”.

Leggi anche:  Treni in ritardo: anche ad aprile scatta il bonus per “compensare” l’odissea dei pendolari…

La replica di Epizoi

A replicare ci ha pensato il primo cittadino Efrem Epizoi. “A causa della siccità di questo periodo – ha spiegato Epizoi – è stato necessario creare un avallamento. Coloro che si occuperanno di bagnare le piante potranno in questo modo sfruttare la fossa che si viene a creare garantendo un annaffiamento consono alla crescita della nuova pianta. L’Amministrazione ha a cuore il viale e quindi opera come è necessario fare. Mi chiedo quindi se la Zammataro è diventata improvvisamente anche agronoma”.

TORNA ALLA HOME