Sono iniziati i lavori per il restauro delle storiche ruote dei mulini a Mozzanica. Le quattro ruote sul ponte dell’omonima roggia torneranno all’antico splendore e una sarà collegata ad un piccolo generatore d’energia a scopo didattico.

Il recupero delle ruote dei mulini

Hanno preso il via i lavori per il restauro delle storiche ruote dei mulini a Mozzanica. Si tratta di un progetto di recupero che ha anche uno scopo didattico. Una delle quattro ruote, installate sulla roggia dei Mulini, infatti, verrà collegata ad un piccolo generatore di energia. Servirà a mostrare agli alunni delle scuole come si produce energia “verde”, da fonti rinnovabili, in questo caso l’acqua. I primi lavori, di tipo, edile, li sta svolgendo la ditta “Edilfiumi” di Mozzanica.

Lavori sulle ruote dei Mulini a Mozzanica

Il progetto sostenuto da “Bidachem” e Parco del Serio

Il restauro delle ruote dei mulini, il cui progetto è stato predisposto dall’ingegner Donata Balzarolo di Sondrio, è stato approvato dalla Giunta Fossati in autunno. Il costo previsto è di 43mila euro, ma l’intervento sarà a costo zero per le casse comunali. Il progetto, infatti, ha ottenuto un contributo di 20mila euro dal Parco del Serio, mentre la cifra rimanente la assicurerà la ditta farmaceutica “Bidachem”. Le storiche ruote dei mulini, che sino agli anni ’70 servivano per macinare il grano, una volta restaurate produrranno energia pulita, a scopo didattico.

Leggi anche:  Fanghi in agricoltura, ecco i Comuni dove è vietato lo spandimento

Il sindaco: “Inaugureremo il restauro durante la sagra”

“I lavori hanno preso il via con la parte edile del restauro – ha spiegato il sindaco di Mozzanica Pino Fossati – Poi verranno ripulite tutte e quattro le ruote. Solo quella più piccola, installata a sinistra rispetto al ponte della roggia (che porta in piazza Locatelli, ndr) verrà rimossa per collegarla al generatore di energia. Le altre, invece, saranno restaurate in loco”. I mozzanichesi potranno ammirare il restauro a fine settembre. “E’ nostra intenzione inaugurare il restauro – ha concluso il primo cittadino – durante la sagra, probabilmente il sabato (22 settembre, ndr) nel tardo pomeriggio”.

TORNA ALLA HOME