A raccontare l’accaduto e smentire le voci diffusesi in paese ci ha pensato il parroco organizzatore della festa, don Stefano Galbusera.

Derubato dopo la sagra

L’episodio è successo domenica notte, al termine della serata di festa in oratorio a Fara Olivana. Un volontario stava rientrando a casa con una piccola parte dell’incasso – poche decine di euro secondo quanto riferito dal parroco – che gli sarebbe servita, la sera successiva, come fondo cassa.

Il furto e le fake news

Mentre il volontario apriva il cancello di casa, un uomo, che probabilmente ne conosceva il ruolo e l’aveva seguito, gli ha sottratto il marsupio contenente i soldi, lasciato per un attimo incustodito sulla bicicletta. Le voci diffusesi in paese dal mattino seguente, però, sono state tutt’altre, andate da una violenta aggressione a una tentata fuga del volontario con l’intero incasso della serata.

“Notizie ingigantite”

A smentire le voci è stato il parroco, don Stefano Galbusera, che ha sottolineato come l’incasso delle serate segua un altro percorso: “Non siamo certo così ingenui da lasciare l’intero incasso in mano a un solo volontario, in giro da solo, di notte” ha spiegato il sacerdote, che ha riferito anche la dinamica dell’accaduto e chiarito che al volontario farese sono state sottratte solo poche decine di euro.

Leggi anche:  Ladri di lampadine spengono le luci dell’albero di Natale

Puoi leggere di più sul Giornale di Treviglio e RomanoWeek in edicola questa settimana.

TORNA ALLA HOME.