La Festa di Santa Liberata è salva e con lei anche i tradizionale fuochi d’artificio che ieri sera, venerdì, hanno incantato tutta Caravaggio. (Grazie al video di Christina Maffioletti e agli scatti di Gabriele Brambilla)

Santa Liberata è salva

E’ stata la grande mobilitazione generale e l’impegno di commercianti, cittadini, Pro loco e Comune a «salvare» la tradizionale festa rionale che, quest’anno, rischiava di andare in scena in modo molto ridotto.

«Quest’anno le persone che di solito si occupano di passare di casa in casa per raccogliere i contributi per lo spettacolo pirotecnico non erano disponibili – ha spiegato il vicesindaco Ivan Legramandi – Così il timore di perdere una festa tradizionale molto sentita dai caravaggini ha spinto tutti a impegnarsi. I commercianti hanno dato la disponibilità a ospitare nei loro negozi una cassetta per raccogliere le offerte e possiamo dire di aver raggiunto la soglia minima per garantire lo spettacolo pirotecnico. E’ stato davvero un bel gioco di squadra anche grazie al coinvolgimento della Pro loco. Sarebbe stato un vero peccato vedere solo poche bancarelle e nemmeno una luce o un fuoco d’artificio. L’occasione ci ha permesso anche di assicurarci, il prossimo anno, una migliore organizzazione che ci faccia partire per tempo».

Leggi anche:  Bcc Caravaggio e Cremasco dona un appartamento alla Caritas di Crema

Bancarelle, luminarie e fuochi d’artificio

Ieri sera c’erano davvero tutti gli ingredienti per il successo della tanto cara festa rionale di Santa Liberata. Le bancarelle, presenti anche in giornata, i gonfiabili per i bambini, gli appuntamenti con le messe delle 8 e delle 20.30, le luminarie, il punto ristoro degli Alpini e anche la musica della banda di Fornovo San Giovanni. C’era proprio tutto, ma soprattutto c’erano i fuochi d’artificio che hanno regalato, anche quest’anno, uno spettacolo emozionante a tutti.

Ecco in alcuni scatti del fotografo Gabriele Brambilla (Il Gabbo) come appariva ieri il cielo sopra Caravaggio.

TORNA ALLA HOME