Si terrà il 4 ottobre a Bergamo, alle 14, l’asta per vendita senza incanto dello storico  hotel  Verri, un “luogo della memoria” per migliaia di caravaggini e non solo, aperto nel 1981. Con tre stelle e 54 camere, è stato uno degli hotel più importanti della Bassa, prima che la crisi del turismo religioso attorno al tempio mariano di Caravaggio – con la trasformazione dei pellegrinaggi in semplici “gite” di una giornata – lo facesse sprofondare.

Di nuovo all’asta

L’ennesima ordinanza di vendita è stata pubblicata nei giorni scorsi. E non è la prima volta che l’enorme stabile finisce in vendita. Oggetto di un’esecuzione fallimentare già dal 2012, il Verri era già stato battuto all’asta diverse volte, senza che nessuno si presentasse all’incanto. L’ultima volta, nella primavera del 2017, era stato invece quasi venduto per 1,2 milioni di euro. Praticamente un terzo del valore della perizia. Ad acquistarlo era stata la società «4S» delle sorelle Fugazzola, di Misano, già titolare di altre aziende sul territorio. La loro offerta era l’unica arrivata. Ma un vizio di forma nel bando fermò il passaggio di proprietà. Tutto da rifare, insomma. Senza contare che le stesse acquirenti non sapevano ancora esattamente cosa farne, dell’enorme struttura.

Leggi anche:  Nuovo sciopero dei treni il 22 e 23 settembre

Il valore base fissato per la vendita all’asta del 4 ottobre è di 918mila euro. Meno di un quarto del valore stabilito dalla perizia, che lo ha valutato 3,87 milioni.

Tre stelle e poca fortuna

Il Verri vanta una struttura imponente, formata da due blocchi: il primo, sorto nel 1981, ospita la hall dell’albergo, il ristorante con la cucina e le sale da pranzo al pian terreno, 41 camere su due livelli e, nel seminterrato, parcheggio interno, deposito, magazzino e celle frigorifere. Il secondo blocco fu realizzato successivamente ed è composto da una hall, bar, servizi igienici e tre sale convegni a piano terra, un’altra sala convegni e 13 camere doppie al primo piano, con magazzino, deposito e autorimessa nell’interrato; all’esterno un giardino con piscina e parcheggio. Il tutto, 5.040 metri quadrati edificati su una superficie fondiaria di 12mila metri quadrati, al confine tra Misano e Caravaggio.

TORNA ALLA HOME