Soccorso a quattro zampe, Hacker primo tra gli italiani a Lubiana.

Hacker primo tra gli italiani

Sono precisi, instancabili e ancora oggi, nonostante la tecnologia stia facendo passi da gigante, sono insostituibili. Sono i cani da soccorso quelli che, in caso di necessità, corrono in aiuto di persone disperse in superficie o sotto le macerie. Tra loro, protagonisti ancora troppo sottovalutati, c’è anche Hacker, pastore belga malinoise di quattro anni che con il suo conduttore Andrea Galimberti, si è appena classificato 14esimo nel Campionato mondiale IRO (International rescue dog organization) dei cani da soccorso, che si è tenuto a Lubiana dal 18 al 23 settembre, e al primo posto tra gli italiani nella categoria rubble (macerie).

Soccorso e passione

Un risultato più che soddisfacente per Iron Hacker The Alphaville Bohemia aka , nato in un allevamento in Repubblica Ceca e arrivato nella sua nuova casa di Caravaggio a un anno d’età. E’ con lui che il veterinario 42enne Andrea Galimberti, già volontario in altre associazioni di soccorso, cinofilo dal 2008 e oggi dipendente dalla associazione nazionale Polizia di Stato, si è avvicinato all’IRO, e ha iniziato il suo percorso di addestramento.

Leggi anche:  Anziani in festa a Caravaggio, premiati i soci FOTO

Obbedienza e ricerca

“La strada è molto impegnativa – ha raccontato – S’inizia fin da cuccioli per insegnare loro due cose fondamentali: l’obbedienza e la ricerca. Il cane deve imparare a rispondere subito e correttamente al comando che gli viene dato e successivamente viene sviluppata la sua naturale propensione alla ricerca attraverso un olfatto che è decine di volte superiore a quello umano”.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola.

TORNA ALLA HOME