Sos gatti randagi: «Basta aderire a una convenzione con l’associazione “Arischiogatti” e anche i felini di Pandino avranno una casa nell’oasi felina di Crema».

Oasi felina

A lanciare l’appello al Comune di Pandino e a quello di Crema è una volontaria, Emanuela Suardi, che si occupa come può delle decine di esemplari che vivono sul territorio pandinese.
«L’associazione è di Crema e opera da anni sul territorio cremasco – ha spiegato Suardi – la Giunta cittadina meno di un anno fa ha così deciso di darle in gestione l’”Oasi Felina”, uno spazio attrezzato per loro che può ospitare una settantina di animali, costruita in città. Vista la situazione che si è creata a Pandino, io e un’altra volontaria, Barbara Agosti, abbiamo deciso di contattarla per chiedere di poter fare entrare anche i mici pandinesi e quelli di altri Comuni. Crema avrebbe già dovuto diramare una comunicazione a tutti i Comuni circa la possibilità di siglare una convenzione ma non lo ha ancora fatto. Tuttavia, se ci fosse stato il consenso ufficioso dei sindaci, avrebbe potuto venirci incontro nelle emergenze. Chiaro che i posti non sono molti, quindi noi avremmo voluto acquisire una priorità, ma Pandino ha detto no».

Il sindaco punta a una struttura in paese

«Non c’è alcuna preclusione alla convenzione – ha detto Maria Luise Polig  – Anzi, vogliamo fare di più con una piccola oasi. Non possiamo obbligare Crema ad attivarsi e in ogni caso i tempi per la convenzione non saranno brevi».

Leggi anche:  Un polo agroalimentare tutto Cremasco

Leggi di più su Cremascoweek in edicola.

TORNA ALLA HOME