Secondo 3BMETEO.com torna il caldo. In arrivo una potente rimonta dell’anticiclone africano su mezza Europa.

Caldo, ritorna l’Anticiclone africano

A partire dal weekend l’anticiclone africano tornerà a rimontare su Mediterraneo ed Europa occidentale, interessando anche l’Italia” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo,com Edoardo Ferrara – “la massima espressione dell’alta pressione sarà tuttavia nella nuova settimana, quando come una bolla di aria calda tenderà ad inglobare Spagna, Francia, Italia in una prima fase. In una seconda fase, dal 22-23 luglio, l’anticiclone africano si spingerà anche su Europa centrale interessando Olanda, Belgio, Germania, Danimarca, fino a poi puntare il Nord Europa, in particolare parte delle Isole Britanniche e persino la Scandinavia. Almeno sino a giovedì 25 (salvo qualche temporale su Alpi e Prealpi nel weekend)” le temperature saranno in netto aumento, con punte di oltre 34-35°C al Nord, fino a picchi locali di 36-38°C sulle centrali tirreniche e in Sardegna (segnatamente sulle aree interne lontane dal mare). Qualche grado in meno lungo le adriatiche e al Sud ma con caldo comunque abbastanza significativo. Farà caldo anche in montagna, con punte di oltre 30°C a 1000 m su Alpi specie occidentali e Appennino centro-settentrionale. Pure i valori minimi notturni inizieranno a risentirne, con progressivo aumento e temperature notturne anche superiori ai 24-25°C nelle grandi città soprattutto al Nord.”

Leggi anche:  Dote infanzia, da Regione Lombardia 15milioni per i servizi a misura di bambino

Quanto durerà?

“Da giovedì 25 luglio e nei giorni successivi l’anticiclone potrebbe iniziare a perdere gradualmente il proprio smalto quantomeno sull’Italia, proprio a causa di un suo sbilanciamento verso il Nord Europa – ha concluso – Nonostante il tempo comunque in prevalenza soleggiato e caldo, si potrebbe dover mettere in conto qualche nuovo temporale dapprima su adriatiche e Sud, successivamente anche al Nord. Ad ogni modo data la distanza temporale si tratta di una linea di tendenza generale (non di una previsione certa), che necessiterà di conferme e molti aggiornamenti”.

TORNA ALLA HOME