Ricorre oggi l’anniversario della Strage di Capaci e anche Treviglio rende omaggio a  Giovanni Falcone e alle altre vittime,tra le quali Antonio Montinaro, agente della scorta del giudice, amico e collega di Murtas.

Polizia e ragazzi insieme al Weil

 Si è aperta con tre squilli di tromba stamattina a mezzogiorno, tra il liceo Simone Weil e l’Istituto Zenale Butinone,  la cerimonia davanti al monumento ad Antonio Montinaro, per ricordare il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta: oltre a  Montinaro, Vito Schifani e Rocco di Cillo. Le vittime della strage di Capaci, per i quali è stata deposta ai piedi del monumento una corona di fiori bianchi.

Montinaro, amico e collega

La cerimonia, organizzata dal dirigente del commissariato di Polizia  Angelolino Murtas con la Polizia di Stato di Treviglio, voleva  ricordare il Capo Scorta Antonio Montinaro, amico e collega di Murtas per 5 anni di servizio. Con lui, erano presenti  studenti e professori del liceo e dell’istituto professionale, nonché  le autorità di Treviglio tra cui  il capitano Maria Luisa Ciancia,  comandante della Compagnia della Guardia di Finanza , il comandante della Compagnia Carabinieri tenente Giuseppe Romano e il comandante della Polizia Locale  Antonio Nocera in rappresentanza del Comune di Treviglio.

Il silenzio e il ricordo

Molto toccante è stato il “silenzio” intonato alla tromba da Antonio Stabilini:  tutti i presenti indistintamente sia in divisa che in borghese, sia militari sia civili, sono stati immobili sull’attenti, con i brividi per le note acute. Ricordando e ripercorrendo quei drammatici istanti dell’esplosione a Capaci. Era il 23 maggio 1992: l’esplosione di mezza tonnellata di tritolo   uccideva Falcone, la moglie e la scorta. Dopo il toccante ricordo di Antonio Montinaro e dei suoi 5 anni trascorsi nella provincia di Bergamo fatto dal Commissario Murtas e l’invito a continuare la battaglia contro le mafie e contro il traffico e l’uso delle sostanze stupefacenti che principalmente le finanziano, la cerimonia si è conclusa con l’Inno d’Italia cantato ad alta voce da tutti gli studenti.
Come si ricorderà il monumento al capo Scorta Antonio Montinaro,  fortemente voluto dal Vice Questore Murtas, era stato fatto con l’importante contributo dell’Associazione “Libera” contro le Mafie e il Comune di Treviglio, ed inaugurato alla presenza della Moglie Tina Montinaro il 21 marzo 2017, primo giorno di primavera in cui viene effettuato per tradizione il corteo di Libera contro le mafie, e da allora alla sua base sono sempre presenti dei fiori freschi.