Un albero, una giovane quercia nel parco del Volontariato. L’hanno messa a dimora ragazzi e ragazze della classe 2000 accogliendo l’invito del sindaco Fabio Ferla.

La quercia nel parco dei “millenials”

I “millenials” di Calvenzano, ragazzi e ragazze della classe 2000, hanno iniziato i festeggiamenti per la raggiunta maggiore età. Quest’anno, su proposta del sindaco Ferla, i ragazzi hanno piantato una giovane quercia di 5 metri. Hanno scelto il parco del Volontariato come casa della “loro” pianta, messa a dimora nel giorno in cui si celebra il 25 Aprile, festa della Liberazione.

In corteo per la libertà conquistata

I neo maggiorenni hanno partecipato alla cerimonia del 25 Aprile in paese, al fianco di associazioni, autorità e concittadini. Poi, una volta raggiunto il parco, muniti di vanghe hanno provveduto a mettere a dimora la quercia. Ora toccherà a loro prendersene cura. “E’ un gesto simbolico che spero le classi continuino, anno dopo anno, a portare avanti – commenta soddisfatto il primo cittadino -. Potranno scegliere dove piantare il loro albero, se al parco, in largo XXV Aprile o all’oasi lago Spino”.

Leggi anche:  Calvenzano fuori strada finisce nel fosso, ferito un 48enne

Il filo conduttore della libertà

“Nel discorso ho spiegato loro che c’è un filo conduttore con la festa della Liberazione, della libertà ritrovata, che si celebra il 25 aprile e la sagra Prima di Maggio che festeggeremo a Calvenzano il weekend prossimo – conclude Ferla -. Sagra che segna l’ingresso ufficiale dei neo maggiorenni nella società e che celebreremo offrendo loro un aperitivo di “benvenuto” e consegnando a ciascuno una copia della Costituzione della Repubblica. Poi la classe, come da tradizione in paese e in altri, penso a Misano, la sera isserà la “sua” pianta della libertà”.