Controlli a tappeto per la Polizia, quattro denunce e un arresto a Treviglio.

Contro i furti e lo spaccio

Anche in questi ultimi giorni torridi la Polizia di Stato ha ripreso i controlli straordinari nella zona di Treviglio per prevenire i furti nelle abitazioni e il fenomeno dello spaccio e del consumo di droga, oltre ai furti in strada. In particolare oltre ai servizi continuativi giornalieri delle Volanti di turno il personale del Commissariato di P.S. di Treviglio con l’ausilio di 4 pattuglie dell’R.P.C.L. (Reparto Prevenzione Crimine della Lombardia con sede a Milano) ha effettuato controlli agli esercizi pubblici, alle stazioni ferroviarie, a soggetti e veicoli in transito in città, in particolare nelle aree maggiormente colpite da furti e spaccio di stupefacenti.

Posti di blocco

Durante i posti di blocco è stato sequestrato amministrativamente un motociclo privo di copertura assicurativa e sono state elevate quattro contravvenzioni stradali per varie infrazioni. Controllate circa 500 targhe ed identificate un centinaio di persone. Effettuati anche 25 controlli alle persone in stato di detenzione domiciliare.

Alla stazione ovest

​​Alla Stazione Ovest un 25enne nigeriano è stato fermato ed accompagnato al Commissariato, poi denunciato all’Autorità Giudiziaria perché non in regola sul territorio nazionale quindi messo a disposizione dell’Ufficio Stranieri della Questura di Bergamo. Lo stesso in passato aveva creato problemi al capotreno Bergamo-Treviglio in quanto viaggiava tranquillamente senza biglietto.

Leggi anche:  Bullout, premiato l'istituto trevigliese Grossi per un progetto contro il bullismo

Prima la lite poi gli riga l’auto

E’ successo in viale Ortigara. Protagonista della vicenda un 40enne italiano. Prima la discussione con il proprietario dell’auto e poi non soddisfatto ha rigato la carrozzeria della Fiat 500 prendendosi una denuncia. Denunciato anche un 30enne marocchino, L.A., per lesioni nei confronti di un vicino di casa per motivi legati alle auto parcheggiate negli spazi condominiali.

Ladra di profumi

​​In via De Gasperi è stata identificata attraverso le immagini riprese dalle telecamere M.A. 20enne di origini albanesi che, dopo aver sottratto alcuni profumi costosi in un negozio specializzato (ripetendo il furto commesso alcune settimane prima), ha raggiunto la stazione centrale per allontanarsi poi con il treno in direzione Milano. La giovane è stata denunciata per furto continuato.

Beccata, finisce in carcere

Durante i controlli è stata, infine, rintracciata M.M. 20enne di origini croate. La giovane è stata arrestata dovendo scontare la pena di un anno di reclusione per furti in abitazione.