Prima derubava le pazienti ricoverate in ospedale poi con le carte di credito truffava le gioiellerie, identificata e denunciata dalla Polizia di Treviglio.

Ladra seriale in ospedale

Lo faceva di continuo tanto da essere diventa una professionista: una vera e propria ladra seriale che nel mirino metteva ogni volta donne particolarmente vulnerabili perché malate e ricoverate in ospedale a Treviglio, ma anche in altre strutture della Lombardia. Era lì, infatti, che colpiva indisturbata rubando i portafogli e con essi anche l’identità delle sue vittime. Tutto per poter truffare le gioiellerie dove utilizzava le carte di credito rubate mostrando i documenti delle reali proprietarie.

Beccata, ma era già in carcere

Dopo una lunga indagine e aver visionato moltissimi filmati gli agenti della Polizia di Stato sono riusciti a risalire alla sua identità e a denunciarla. A incastrarla è stato un confronto incrociato tra le immagini della videosorveglianza dell’ospedale e quelle delle gioiellerie truffate. Dopo la pioggia di segnalazioni, infatti, gli agenti del Commissariato di Treviglio hanno confrontato i dati anche con altri furti simili avvenuti in altri ospedali della Lombardia, tra cui l’ospedale San Matteo di Pavia. La donna risultava sempre la stessa e anche i gioiellieri non hanno più avuto dubbi nel riconoscerla. Lei P.E. 36enne di Vigevano (Pv) era già nota agli archivi di Polizia per reati simili. Attualmente la donna si trova nel carcere di San Vittore a Milano arrestata per rispondere di analoghi episodi.