Una vera e propria folla vestita di bianco si è ammassata oggi alle 18.30 fuori dalla scuola primaria di Zingonia per un ultimo saluto alla piccola Yuqi, la bimba di soli 9 anni morta domenica pomeriggio dopo un volo di 13 metri dal balcone.

Addio piccola Yuqi

Avrebbe compiuto 10 anni il 10 agosto Yuqi Jin, la bambina precipitata dal quarto piano di un condominio in corso Asia 11. Una tragica fatalità quella che ha distrutto la famiglia di Peizhi Jin e Haiqiu Chen, genitori della bimba, che si sono precipitati disperati in cortile dopo la caduta che non ha lasciato scampo alla loro figlia più piccola. Una tragedia che ha scosso profondamente tutta la comunità di Verdellino, dove la piccola Yuqi era benvoluta da tutti i compagni per la sua dolcezza, la sua voglia di imparare sempre cose nuove e il suo carattere solare e gentile. Una bimba come tante, la cui vita è stata spezzata da un incidente terribile. Mentre stava studiando la bimba si è affacciata dal balcone per guardare nel cortile ed  è caduta da un’altezza di 13 metri.  Inutile l’intervento dei soccorritori.

La piccola Yuqi, 9 anni
La piccola Yuqi, 9 anni

Una folla multietnica per l’ultimo saluto

Sono tutte vestite di bianco, colore tradizionale del lutto nella cultura cinese, le persone che hanno voluto partecipare alla cerimonia in ricordo di Yuqi Jin. Una folla multietnica  fatta da amici, compagni di scuola, famiglie e istituzioni, tutti uniti dal dolore e dall’incredulità.  C’è anche il sindaco Silvano Zanoli, che conosceva bene la famiglia: Yuqi e sua figlia erano in classe insieme.

 

Il preside Mora

“Questi sono giorni particolari, da quando abbiamo saputo cosa è accaduto ogni pensiero è per il suo sorriso e per i suoi gesti gentilezza”  ha detto il preside dell’Istituto comprensivo di Verdellino Eugenio Mora. “Continuiamo a fare le cose di tutti i giorni  ma un pezzettino dei nostri pensieri torna a quanto successo. Tante le domande e nemmeno una risposta.  Abbiamo bisogno, bambini, del vostro  aiuto, del vostro entusiasmo e della vostra allegria per ripartire”.

La scuola e la strada è stata riempita  di cuori rossi. Resteranno fino alla fine della scuola, a segnare visivamente la traccia indelebile che Yuqi ha lasciato in paese. E il ricordo, per chi vive la scuola del paese, va anche a Mamadou Fall, il bimbo morto ormai quattro anni nello stesso assurdo modo, poco distante.  “Ricordiamo alla famiglia che non ci dimenticheremo nemmeno di lui” ha detto ancora Mora.

Leggi anche:  Benzinaio abusivo vendeva il carburante a poco più di un euro al litro VIDEO

Il ricordo dei compagni  di classe

“Cara Yuqi eri l’ alunna più generosa della classe. Hai sempre avuto il sorriso addosso, come se avessi indosso una maglietta di felicità. Portavi tanta allegria a tutti:  non ti dimenticheremo mai” hanno detto alcuni bambini, amici e compagni della piccola. “Sarai sempre con no,  nei nostri cuori: la persona più gentile mai incontrata”.

Zanoli: “Questa è una comunità generosa”

“I vostri pensieri  saranno arrivati a Yuqi e sicuramente sarà contentissima” ha aggiunto il sindaco Zanoli, rivolgendosi ai ragazzi.  “Oggi siamo tutti vicini alla famiglia e costernati per quando accaduto. Non è il momento di pensare al destino, al fato. Yuqi era una bellissima bambina, dolcissima. Sono convinto che per lei ci sia qualcosa di grande: sicuramente il suo sorriso servirà a far sorridere tanti bambini che stanno soffrendo”. Zanoli ha poi riflettuto sulla corale e imponente manifestazione di vicinanza manifestata da Zingonia intera nei confronti della famiglia Jin.  “Questa  è una comunità  generosa: in questi momenti ci si rende conto che abbiamo una forza in più, e la dobbiamo a tutti voi bambini. Voi ora avete un cuore ancora più grande”.

 

Ni Hao Yuqi. Ciao Yuqi

Verso il termine della cerimonia, arrivati di fronte al condominio della tragedia, i genitori della piccola hanno liberato alcuni palloncini bianchi verso il cielo, tra le lacrime. Su un  tavolino ci sono caramelle, poi distribuite a tutti i bambini presenti,  e un lumino spento.  “Aveva sempre caramelle da regalare a qualcuno” ricorda don Lorenzo, il curato.  C’è poi un piccolo alberello, messo a dimora  nel cortile con una foto e una scritta: “Cercheremo di indossare il tuo sorriso ogni giorno”. Sotto l’albero, un cubo di Rubik,  gioco in cui Yuqi era abilissima. Infine il coro: Ni Hao Yuqi. Ciao Yuqi.

TORNA ALLA HOME