Arrestato clandestino appena sceso dal treno. E’ successo giovedì in stazione a Romano. La Polizia locale ha arrestato un nord africano clandestino.

La stazione dei treni crocevia di delinquenti

Ha dato i primi frutti l’azione di controllo della Polizia Locale della stazione di Romano. Giovedì una pattuglia infatti stava presidiando l’area quando ha notato un giovane magrebino che sceso dal treno una volta accortosi della presenza degli agenti ha cercato di dileguarsi. Gli agenti lo hanno così pedinato fermandolo poco dopo.

Finto minore

Sprovvisto di documenti, il nord africano ha affermato di chiamarsi M.N. e di avere 17 anni. Informazioni a cui gli agenti non hanno creduto, avendo già trattato casi come questo.
“I clandestini sanno che da minori non sono passivi di espulsione coattiva – ha detto Arcangelo di Nardo, comandante della Polizia locale di Romano – ma vengono accompagnati in una comunità che gli da asilo, li nutre e dalle quali riescono a scappare”.

Leggi anche:  Si ribalta con l'auto e scappa sul tetto FOTO

L’esame e il fermo

Così gli agenti hanno accompagnato il giovane fermato all’ospedale dove è stato sottoposto all’esame dei raggi ai polsi. Questo tipo di esame permette di definire l’età di un individuo con un margine di errore che si aggira intorno ad un mese. Il magrebino è risultato così essere un 19 enne ed è stato accompagnato alla Questura di Bergamo per l’espulsione coattiva dal territorio nazionale.